Archivio di dicembre 2011

Qualche libro del 2011

jacopo nacci, 30 dicembre 2011

Di recensioni, recensioni di narrativa in particolare, quest’anno ne ho fatte pochissime, come si evince sfogliando la categoria recensioni su Yattaran: solo il post sui plugin della saggistica e due romanzi: Il bisogno dei segreti di Marco Candida e Se fossi fuoco arderei Firenze di Vanni Santoni. In realtà ho parlato anche di Nessun Paradiso di Enrico Piscitelli: qui (e anche del saggio di Federica Sgaggio, Il paese dei buoni e dei cattivi).
Oltre questi, mi sento di consigliare altri quattro titoli: L’ora migliore e altri racconti di Simone Ghelli (qui un estratto), racconti, lo dico subito, dei quali io non sono in grado di parlare (ma in parecchi, e bravi, lo hanno fatto), tanto mi hanno coinvolto e in quale modo; e questo perché qui, dopo il primo meta-racconto, che svolge anche il ruolo di sapiente introduzione, è tutt’un esplodere di epifanie che si compie nello spazio del preverbale onirico, e il filo narrativo si immerge nell’abisso, senza per questo mai venire meno. Storie. Ambienti. Suggestione. Luci. Oscurità. Vibrazione. Cose. Ghelli la sa lunga, soprattutto la sa profonda; posso dire solo: leggetelo, è un’esperienza.
L’impavida eroina eccetera, di Mauro Mirci, è un’altra raccolta di racconti – e siamo già alla seconda raccolta di racconti: io adoro le raccolte di racconti, specie se confezionate con questa perizia – racconti, quelli di Mirci, senza fronzoli, senza trucchi, solo racconti, puliti, precisi, delicati, empatici, narrati con quell’atteggiamento autoriale impeccabile che può essere solo il frutto della pietas verso i personaggi e dell’attenzione al reale, e che proprio per questo sanno inerpicarsi ai vertici e spalancare immagini sublimi, che illuminano tutto; vi dico solo: il tedesco alla mitragliatrice, le buste, il cortile; chi leggerà capirà, e vedrà che ho fatto solo esempi.
De La seconda persona di Demetrio Paolin (qui un estratto), della capacità di Paolin di perlustrare l’interiorità in un modo che rende la sua scrittura completamente diversa da tutto ciò che si trova in giro, della sua misericordiosa spietatezza, del suo trascendente corporeo, del suo male benigno, del suo bene doloroso, del suo materialismo sacro, del suo sacro materiale e di altri paradossi concettualmente perfetti tenterò di parlare, insieme a lui, il 14 gennaio alla Biblioteca San Giovanni di Pesaro.
E non è un romanzo ma quasi – per il piglio, per l’urgenza, per l’assurdità – Pazzi scatenati, il libro-inchiesta di Federico Di Vita sull’editoria italiana; che uscirà a gennaio, ma cominciate a pressare il libraio. Un libro che semplicemente va letto, e credo che questo consiglio lo darò, d’ora in poi, in occasione di ogni presentazione di libri nella quale mi troverò a essere parte attiva.

Della Bella recensisce Dreadlock

jacopo nacci, 27 dicembre 2011
Antonio Sileo, Dreadlock

Dreadlock visto da Antonio Sileo

E’ in questi vuoti di secondo livello, apparentemente immateriali, che l’io narrante si avventura per stanarne ogni pulsione di morte, ogni concreta ferocia, ogni subdolo rischio di assuefazione all’insensibilità, per poi uscirne intatto nella forma di un’umanità superstite, forse ancora capace di vita e di senso. Si tratta di un corpo a corpo molto simile a quello che ingaggia il supereroe Dreadlock a difesa dalle ingiustizie.
Quest’ultimo, anche se da un piano diverso (dall’alto dei tetti, e con le trasfigurazioni che per fortuna nulla hanno a che vedere con le maschere funerarie della virtualità televisiva), nel fluire della narrazione in parte si avvicina al protagonista (e, attraverso lui, anche al narratore), in un gioco di intersezioni e sovrapposizioni che allude a una pluridimensionalità dell’io irriducibile anche al principio di realtà.

Marina Della Bella recensisce Dreadlock qui.

L’autore del ritratto di Dread è Antonio Sileo.

Costola in pdf gratuito

jacopo nacci, 15 dicembre 2011
Costole

Clicca per ingrandire

MilanoRomaTrani dedica un post della serie A.I.:Autoproduzioni a Costola, che per l’occasione rende gratuitamente sfogliabile e/o scaricabile il pdf del numero 0: qui.
“Costola” associa racconti e illustrazioni, ogni racconto un’illustrazione, ogni illustrazione un racconto. Su questo numero 0 c’è anche il mio racconto Una mattina, Adamo, associato a un’illustrazione di Alessandro Baronciani, ché a Pippo Balestra di “Costola” piaceva averci insieme: è stata una gradita rimpatriata old school.

Francesco Cristiano recensisce Dreadlock

jacopo nacci, 13 dicembre 2011

Dreadlock visto da Antonio Sileo

Una fittissima rete di collegamenti fra i pochi protagonisti, le citazioni sull’attuale realtà italiana che in questo momento imperversa, sono raccontate da Nacci con originalità e fantasia, ma affondano nella crisi totale dei valori, nell’odio che sfocia nella xenofobia, nel razzismo e soprattutto in un contesto offeso e perseguitato da media e Potere (Stato e Polizia). Degna di nota la citazione di un’intervista di Umberto Eco: “La società richiede che il giovane laureato s’inventi un mestiere, e se quel giovane è in grado di inventarselo, è perchè qualcuno gli ha insegnato una forma di pensiero flessibile”, trasformata in odio da un ladro che in realtà era un dotto laureato, preda della crisi.

Il punto di forza di Dreadlock, è appunto il fatto di decontestualizzare il vero, dandogli un alone di fantastico, pur rimanendo sempre con i piedi per terra.

Francesco Cristiano recensisce Dreadlock su Radio Ciroma 105.7FM.

L’autore del ritratto di Dread è Antonio Sileo.

II**II —Dread in my backyard

jacopo nacci, 8 dicembre 2011
DreadCité

Dreadlock va alla Biblioteca San Giovanni di Pesaro: ne parliamo lì, alle 16.30 di domenica 11, Federica Sgaggio e io.

Ilaria Giannini parla di Dreadlock

jacopo nacci, 1 dicembre 2011

Qui si agisce verso il bene ma è il male che viene compiuto, esso è inevitabile, come se una qualche forma di salvezza potesse arrivarci solo dalla distruzione di questo mondo e delle sue regole.

Ilaria Giannini su Dreadlock (il blog non esiste più).

L’autore del ritratto di Dread è Antonio Sileo.

II**II — a Fi Dread

jacopo nacci, 1 dicembre 2011
DreadCité

Dread va a Firenze, alla Cité – San Frediano rulez – alle 18.30 di sabato 3. La figata immensa sta nel fatto che a presentarlo assieme a me ci saranno Ale Raveggi, Ilaria Giannini e Vanni Santoni.

L’emoticon di Dread, quello nel titolo del post, è stato inventato da Luca Giudici.