30/4/2005

Jacopo Nacci, 22 aprile 2009

Ho messo la mia anima tra le tue mani.
Curvale a nido. Essa non vuole altro
che riposare in te.

Ma schiudile se un giorno
la sentirai fuggire. Fa’ che siano
allora come foglie e come vento,
assecondando il suo volo.

E sappi che l’affetto nell’addio
non è minore che nell’incontro. Rimane
uguale e sarà eterno. Ma diverse
sono talvolta le vie da percorrere
in obbedienza al destino.

Margherita Guidacci, All’ipotetico lettore

Segui il rizoma

Lo scrittore vero secondo Ivanov Qualcosa non quadra, pensò. Naturalmente alla notte insonne del caporedattore si aggiunse la notte di felicità e vodka di Ivanov, che decise di fest...
Sampling Teobaldi I Non voleva passare la vita accoppiato con un art director, neanche col più bravo di tutta Milano, perché non avevano pace e non lasciavano aver pace. ...
Anthem Dal Fedro di Platone: Socrate: Per quanto mi riguarda, o Fedro, considero acute queste interpretazioni, però proprie di un uomo molto esperto e anche...
Se tu mi lasciassi dormire È uscito Funambole di Isabel Farah (Marco Del Bucchia Editore).Sedici monologhi: Medea, Penelope, Arianna, Clitennestra, Leda, Filomela, Egle, Giocast...