30/4/2005

Jacopo Nacci, 22 aprile 2009

Ho messo la mia anima tra le tue mani.
Curvale a nido. Essa non vuole altro
che riposare in te.

Ma schiudile se un giorno
la sentirai fuggire. Fa’ che siano
allora come foglie e come vento,
assecondando il suo volo.

E sappi che l’affetto nell’addio
non è minore che nell’incontro. Rimane
uguale e sarà eterno. Ma diverse
sono talvolta le vie da percorrere
in obbedienza al destino.

Margherita Guidacci, All’ipotetico lettore

Segui il rizoma

Solaristica (3) «Un altro volumetto rilegato in pelle si era infilato fra le annate dell’Almanacco. Prima di aprirlo rimasi un po’ a rimirarne la copertina rovinata...
Dimanche Per credere che Dio è ricco di misericordia non mi occorre alcuna speranza o promessa. Conosco questa ricchezza con la certezza dell'esperienza, l'h...
Trecento Gundam Clicca sull'immagine per leggere l'articolo Immaginiamo titoli alternativi per questo articolo del Corriere della Sera: La madre butta via i Gunda...
Dimanche L'idolatria ha origine dal fatto che, assetati del bene assoluto, non si possiede l'attenzione sovrannaturale e non si ha la pazienza di lasciarla sor...

Pubblica un commento