Agli sgoccioli

Jacopo Nacci, 28 luglio 2008

Quando mio padre era agli sgoccioli siamo andati in ospedale a riprendercelo perché morisse in casa. Mia madre lo ha voluto tutto per sé, è stata una settimana senza chiudere occhio. Io e mia sorella l’aiutavamo svegliandola quando si addormentava, eravamo poco più che ragazzini. L’ultimo giorno in cui è stato in grado di andare al bagno con le sue gambe, mio padre ci ha chiesto di lasciarli soli. Tre giorni dopo, nel suo ultimo sprazzo di lucidità, le ha messo un braccio intorno al collo mentre lei gli umettava le labbra e le ha detto «muori con me».

Mauro Covacich, Prima di sparire

Segui il rizoma

Introiezione del conflitto La schizofrenia è esattamente, precisamente, modello dei rapporti di lavoro che ci interessano. La schizofrenia è il sostituto psicotico del conflitto...
Sampling Teobaldi I Non voleva passare la vita accoppiato con un art director, neanche col più bravo di tutta Milano, perché non avevano pace e non lasciavano aver pace. ...
Contro l’ironia In questa polaroid siamo tutti ironici. E a me l’ironia fa male. Anzi, la odio. Non solo io, anche Scarmiglia e Bocca. Perché ce n’è sempre di più, ...
Ciò che determina il destino Da Ordo amoris, di Max Scheler: Chi ha l'ordo amoris di un uomo ha l'uomo stesso. Ha per l'uomo inteso come soggetto morale ciò che è la formula d...

3 commenti a “Agli sgoccioli”

  1. anarcadia ha detto:

    “Quando mio padre era agli sgoccioli siamo andati in ospedale a riprendercelo perché morisse in casa”

    Ottima idea.

    «muori con me»

    Beh, insomma.

  2. Divara ha detto:

    questo libro fa male, proprio male…

  3. jacopo nacci ha detto:

    @Divara
    è arrivato in un momentino, poi, che guarda…

Pubblica un commento