Agli sgoccioli

Jacopo Nacci, 28 luglio 2008

Quando mio padre era agli sgoccioli siamo andati in ospedale a riprendercelo perché morisse in casa. Mia madre lo ha voluto tutto per sé, è stata una settimana senza chiudere occhio. Io e mia sorella l’aiutavamo svegliandola quando si addormentava, eravamo poco più che ragazzini. L’ultimo giorno in cui è stato in grado di andare al bagno con le sue gambe, mio padre ci ha chiesto di lasciarli soli. Tre giorni dopo, nel suo ultimo sprazzo di lucidità, le ha messo un braccio intorno al collo mentre lei gli umettava le labbra e le ha detto «muori con me».

Mauro Covacich, Prima di sparire

Segui il rizoma

30/4/2005 Ho messo la mia anima tra le tue mani. Curvale a nido. Essa non vuole altro che riposare in te. Ma schiudile se un giorno la sentirai fuggire. Fa&...
Dimanche Dio ha in sé un fondamento intimo della sua esistenza che, in quanto tale, lo precede come esistente; ma Dio è a sua volta il Prius del fondamento, ...
Fare argine La tua immaginazione produce disfacimento, aggiunge. Non è vero. Sì che è vero. Perché sei come me: cerchi la lotta. St...
Le categorie dello spirito "Oh, ragazzi, attenti, c'è coso... Giulio... Il Dimpe... Che sta vomitando!". Il Dimpe si è cacciato due dita in gola, e in piedi in mezzo al prato si...

3 commenti a “Agli sgoccioli”

  1. anarcadia ha detto:

    “Quando mio padre era agli sgoccioli siamo andati in ospedale a riprendercelo perché morisse in casa”

    Ottima idea.

    «muori con me»

    Beh, insomma.

  2. Divara ha detto:

    questo libro fa male, proprio male…

  3. jacopo nacci ha detto:

    @Divara
    è arrivato in un momentino, poi, che guarda…

Pubblica un commento