Agli sgoccioli

Jacopo Nacci, 28 luglio 2008

Quando mio padre era agli sgoccioli siamo andati in ospedale a riprendercelo perché morisse in casa. Mia madre lo ha voluto tutto per sé, è stata una settimana senza chiudere occhio. Io e mia sorella l’aiutavamo svegliandola quando si addormentava, eravamo poco più che ragazzini. L’ultimo giorno in cui è stato in grado di andare al bagno con le sue gambe, mio padre ci ha chiesto di lasciarli soli. Tre giorni dopo, nel suo ultimo sprazzo di lucidità, le ha messo un braccio intorno al collo mentre lei gli umettava le labbra e le ha detto «muori con me».

Mauro Covacich, Prima di sparire

Segui il rizoma

Dimanche «Noi crediamo per tradizione, per quanto riguarda gli dèi, e vediamo per esperienza, per quanto riguarda gli uomini, che sempre, per una necessità d...
Dimanche Frida Kahlo, Ciò che l'acqua mi ha dato, 1939 Se la divina volontà impone al momento presente il dovere di leggere, la lettura realizza in fondo a...
Trecento Gundam Clicca sull'immagine per leggere l'articolo Immaginiamo titoli alternativi per questo articolo del Corriere della Sera: La madre butta via i Gunda...
Dimanche Quando Rabbi Hajim di Zans ebbe unito in matrimonio suo figlio con la figlia di Rabbi Eleazaro, il giorno dopo le nozze si recò dal padre della spos...