Bologna-Pesaro ICplus Rossini

Jacopo Nacci, 18 marzo 2008

Mamma: – Hai deciso chi invitare per il tuo compleanno?
Figlio: – Sì, invito Norman… Loris… Denis… Antonio…
Mamma: – Ma chi è Antonio? Non sarà mica quello là che sembra mezzo scemo?
Figlio: – Uffa. Non è mezzo scemo. È napoletano.

Segui il rizoma

Non alla patria, non al linguaggio, tanto meno ai ... -Guarda. Ecco, guarda: respira? -Eh? -Il coniglio. -Eh. Cosa. -Sta respirando? -Presumo di sì: è vivo. -No, dico: lo vedi? Vedi la sua p...
Di fronte a lui (clicca sulle tavole per ingrandirle) Di fronte a lui, Alessandro Baronciani e Jacopo Nacci. Apparso su "Concrete - lo spirito contin...
La realtà non è schierata In questo momento Hiroshi Matsumoto si è appena spostato come un naufrago che non sa nuotare dal letto al divano del suo monolocale alla perife...
Verso il muro Mi sveglio: sto male, mi fa male il cuore come quella volta a natale. Sono scivolato verso il fondo del letto e tu non sei di fianco a me: sei di tra...

2 commenti a “Bologna-Pesaro ICplus Rossini”

  1. mamikazen ha detto:

    Mi ricorda quella volta che sul Modesto trovai scritto: “… i due rapinatori, che parlavano con accento non napoletano…”.
    Le fidanzate di mio figlio alla materna si chiamano Asil e Bouchera. L’amico del cuore si chiama Matteo, ma è la miniatura di Spike Lee (ha anche la stessa coppolina beige, Marlowe lo venera). Alla faccia di Bossi, Borghezio e giuggioloni loro.

  2. wormholeseeker ha detto:

    sì però sti nomi da borgatari….

Pubblica un commento