Bologna-Pesaro ICplus Rossini

Jacopo Nacci, 18 marzo 2008

Mamma: – Hai deciso chi invitare per il tuo compleanno?
Figlio: – Sì, invito Norman… Loris… Denis… Antonio…
Mamma: – Ma chi è Antonio? Non sarà mica quello là che sembra mezzo scemo?
Figlio: – Uffa. Non è mezzo scemo. È napoletano.

Segui il rizoma

Delitti familiari -Fatto buon viaggio? -Direi di sì, posto a sedere, finestrino aperto, dai. -Insomma il solito schifo. -No, pa'. Ti sto dicendo che è and...
Golden Hours (sul culto degli dèi) Ricordi cosa successe a quei due che non siamo più noi, quest’estate? Estate? La loro seconda estate insieme, no? Senza inverni: non hann...
Esegesi difficile Ma cosa sono i mostri? Andiamo all’origine dei mostri – fa la Marcuzzi, in uno studio buio, con un cono di luce che la illumina solo parzi...
L’Acheronte del nonno Su Scrittori Precari, L'Acheronte del nonno, il racconto che ho letto a Torino una sega: È in quell’istante che la porta della sala si piega verso...

2 commenti a “Bologna-Pesaro ICplus Rossini”

  1. mamikazen ha detto:

    Mi ricorda quella volta che sul Modesto trovai scritto: “… i due rapinatori, che parlavano con accento non napoletano…”.
    Le fidanzate di mio figlio alla materna si chiamano Asil e Bouchera. L’amico del cuore si chiama Matteo, ma è la miniatura di Spike Lee (ha anche la stessa coppolina beige, Marlowe lo venera). Alla faccia di Bossi, Borghezio e giuggioloni loro.

  2. wormholeseeker ha detto:

    sì però sti nomi da borgatari….

Pubblica un commento