Archivio della categoria ‘Segnalazioni’

Un nuovo laboratorio ad aprile e maggio

jacopo nacci, 6 marzo 2014
Laboratorio

Bronson – Hara, Hokuto Shinken

Alla libreria Didot, a Pesaro, ogni martedì alle 21.00, a partire dal 15 aprile, terrò un nuovo laboratorio di scrittura di narrazioni, per un totale di sei sedute:
– due sedute teoriche introduttive: cos’è una narrazione; la struttura, i personaggi, la prospettiva; il linguaggio, l’allegoria, la postura mentale del narratore;
– due sedute pratiche: lavoro collettivo sui testi di chi avrà voluto cimentarsi e su testi proposti dal relatore: analisi, editing, riscrittura;
– due sedute conclusive: ripresa delle tematiche delle prime due lezioni, risoluzione dei dubbi emersi dalla pratica, indicazioni di ricerca.

Ogni seduta durerà dalle due ore alle due ore e mezza.
Il laboratorio accoglierà un massimo di undici iscritti.
Il costo della partecipazione al laboratorio è di 70 euro a persona; ci si iscrive presso Didot con un acconto di 25 euro entro il 12 aprile. Il laboratorio si terrà previo raggiungimento di una quota minima di iscritti; in caso di mancata attivazione, l’acconto sarà restituito presso Didot.
Per domande e chiarimenti, scrivere a jacoponacci@gmail.com.

La locandina del laboratorio, nascosta nell’immagine, è di Mauro Santini.

La mia ragazza non è in città

jacopo nacci, 28 novembre 2013

La mia ragazza non è in città: Vince

La mia ragazza non è in città: un reading.
Mercoledì 4 dicembre, ore 22.00.
Al Circolove, Piazza Europa 10, Baia Flaminia, Pesaro.

Tedoldi recensisce Dread

jacopo nacci, 31 ottobre 2013

Dreadlock, vista da

Nel mondo durissimo di oggi, questi quarantenni resistono emotivamente anche grazie alle letture che hanno fatto. Le generazioni precedenti sono cresciute in mezzo alle favole con gli orchi. I quarantenni hanno letto, oltre che di orchi, di supereroi – e hanno imparato che gli orchi sono battibili.

Su La poesia e lo spirito, Guido Tedoldi recensisce Dreadlock.

Pescibanana Lab in full effect

jacopo nacci, 16 settembre 2013

Perepepè

Ci siamo. Il 21 settembre inizia la seconda edizione di Perepepè.
Il Pescibanana Lab – ovvero Federica Campi e il JN di quartiere – è lieto di presentare i suoi appuntamenti:

29 settembre, ore 21.30: “Un posto piccolo”
– Esplorazioni narrative urbane di Federica Campi e Jacopo Nacci.

17 ottobre, ore 21.30: “Saturnalia”
– Sacrifici narrativi di Simone Ghelli, Vanni Santoni, Wu Ming 2.

Pescibanana Lab interverrà anche come
laboratorio di scrittura creativa (in prosa):

Federica Campi piloterà
un laboratorio aperto a tutti, mercoledì 9 ottobre, alle 16.30,
e un laboratorio per bambini dai 6 agli 11 anni, mercoledì 16 ottobre, alle 16.30;

io piloterò
un laboratorio – a offerta libera – aperto ai maggiori di 18 anni, in quattro sedute, ogni venerdì del Perepepè: 27 settembre, 4, 11, 18 ottobre, alle 16.30.

Non sono necessarie iscrizioni o prenotazioni.
Per maggiori dettagli è sufficiente scrivere a
pescibananalab[at]gmail.com.

Interzone

jacopo nacci, 19 agosto 2013

La scarpetta

jacopo nacci, 21 giugno 2013

Porpora commenta Dreadlock

jacopo nacci, 13 maggio 2013
Giulio Giordano, i Laureati

I Laureati visti da Giulio Giordano

Curioso come il rapporto con le forze del Male – qui interpretato principalmente dal Grottesco nel volto del comico, dall’opposizione sistemica dei Laureati, nonché da persone a lui vicine che reinterpretano il Reale e la sua faccia come faccia cosmetica – intorti in qualche modo sia Matteo che Dreadlock, incapaci di reagire in maniera convincente di fronte a queste azioni che invece che essere di violenza pura sono reazioni spesso estetiche, spesso etiche.

Qui, sulla Nottola di Minerva, Ivano Porpora prende note a margine di Dreadlock.

Il sito di Giulio Giordano, l’autore del ritratto.

Gianluca Liguori su Dread

jacopo nacci, 10 aprile 2013

Questa recensione di Gianluca Liguori a Dread – a lungo smarrita nell’arcipelago dei supporti – è comparsa sul numero 240 di Frigidaire, gennaio 2012.

Liguori su Dread

Clicca per leggere la recensione

Un grazie a Vanni Santoni per averla recuperata.

Effetti collaterali

jacopo nacci, 2 aprile 2013

Incontri letterari in Biblioteca

Avreste fatto tutti la stessa cosa

jacopo nacci, 11 marzo 2013

È uscito Funambole di Isabel Farah (Marco Del Bucchia Editore).
Sedici monologhi: Medea, Penelope, Arianna, Clitennestra, Leda, Filomela, Egle, Giocasta, Ersilia, Andromaca, Euridice, Frine, Ermione, Rossane, un’amazzone, Antigone.
Un estratto da “Medea” è stato pubblicato su Scrittori Precari.
Qui ho pubblicato “Penelope” in versione integrale.
Qui ho pubblicato “Ermione” in versione integrale.
Qui sotto pubblico “Clitennestra” in versione integrale.
Funambole di Isabel Farah si può ordinare da qui.
Domenica 17, alle 17, Isabel e io lo presentiamo alla Biblioteca San Giovanni di Pesaro

Clitennestra

Isabel Farah - FunambolePentirmene? E perché mai? Non c’eravate voi, giudici, a mettere il mio cuore sulla bilancia, non potete sapere com’era leggero quando Agamennone, grasso come un bue, moriva davanti a me.
Non ci siete voi, giudici, nel mio corpo. Non siete donne, non siete in grado di giudicare una donna.
La verità è che avreste fatto tutti la stessa cosa, la verità è che lo sapete che la legge che predicate non è nemmeno la vostra. È la legge di dio, ma qui non c’è nessun dio. E nelle nostre vene, cari giudici, scorre un colore: rosso. Rosso come la porpora, giudici, come l’amore, come la violenza. Fa caldo, giudici, lo sentite anche voi quest’odore di natura gravida. Quest’odore di seme mi disgusta, insieme al frinire delle cicale. Lo sa Dioniso cosa significa. Lo sa lui che nell’eros c’è un coltello, che il ciclo prevede morte a seguito di vita. L’odore è insopportabile.

(continua…)