Chiba City Blues

jacopo nacci, 23 marzo 2011

Ora di pranzo. Sento delle voci dalla finestra aperta.

– Mariaterè-saaa!
– Ciao Gaietta! Vai a mangiare? Salutami la mamma.
– Sì ma ho già mangiato due barrette Kinder.
– Due barrette Kinder?
– Sì.
– Si vede, che hai mangiato due barrette Kinder: sei piena di energia. Kinder: ti riempie di energia!*

*io i due punti un po’ li ho sentiti

Segui il rizoma

Il tao di Nina e Francesco Fa caldissimo. Sto pedalando verso l’ultimo tratto di spiaggia; chiudo gli occhi, li riapro: vedo in bianco e nero per un istante. Arrivo in fondo all...
La realtà non è schierata In questo momento Hiroshi Matsumoto si è appena spostato come un naufrago che non sa nuotare dal letto al divano del suo monolocale alla perife...
Till death do us party Cecilia aveva messo sul piatto il vinile di True Blue, aveva acceso il giradischi, aveva appoggiato la puntina sul bordo del disco ed era andata a...
Nella condizione irrevocabile (2.0) Go Nagai, Mao Dante, 1971 In questo momento mi trovo a due anni da te. È la prima volta che vengo nel futuro a fare la stagione. Fare avanti e ind...

Pubblica un commento