Contro l’ironia

Jacopo Nacci, 15 giugno 2009

Giorgio Vasta, Il tempo materiale, Minimum Fax

In questa polaroid siamo tutti ironici. E a me l’ironia fa male. Anzi, la odio. Non solo io, anche Scarmiglia e Bocca. Perché ce n’è sempre di più, troppa, la nuova ironia italiana che brilla su tutti i musi, in tutte le frasi, che ogni giorno lotta contro l’ideologia, le divora la testa, e in pochi anni dell’ideologia non resterà più niente, l’ironia sarà la nostra unica risorsa e la nostra sconfitta, la nostra camicia di forza, e staremo tutti nella stessa accordatura ironico-cinica, nel disincanto, prevedendo perfettamente le modalità di innesco della battuta, la tempistica migliore, lo smorzamento improvviso che lascia declinare l’allusione, sempre partecipi e assenti, acutissimi e corrotti: rassegnati.

Giorgio Vasta, Il tempo materiale

Segui il rizoma

Poi arriva un giorno «Poi arriva un giorno, che è un giorno più bello degli altri, Abramo si è alzato ed è felice, perché oggi il sole è splendente e sa che passerà un gio...
Poi gliene diede un secondo Da Erano solo ragazzi in cammino, di Dave Eggers, traduzione di Giuseppe Strazzeri: «Buongiorno!» disse mio padre sopra di me. Il saluto con cui lo...
Dimanche Per credere che Dio è ricco di misericordia non mi occorre alcuna speranza o promessa. Conosco questa ricchezza con la certezza dell'esperienza, l'h...
Lundi Perdonare. Non si può. Quando qualcuno ci ha fatto del male, si creano in noi determinate reazioni. Il desiderio della vendetta è un desiderio di equi...

8 commenti a “Contro l’ironia”

  1. UnaStranaStrega ha detto:

    perchè al futuro?

  2. jacopo nacci ha detto:

    Perché il pensiero è pensato il 7 febbraio 1978.

  3. UnaStranaStrega ha detto:

    nostradamus!

  4. jacopo nacci ha detto:

    Il protagonista del romanzo lo pensa nel 1978. Il romanzo è del 2008. ^__^

  5. Simenza ha detto:

    Ricorda qualcosa che diceva bergonzoni alla conferenza nell’ambito di un corso di retorica.
    Mah…

  6. jacopo nacci ha detto:

    Ti invito vivamente alla lettura del romanzo, Simenza, e mai ti ho invitato così vivamente. ^___^

  7. Simenza ha detto:

    Ciao caro,preciso: il mio “Mah” era un dubbioso mah su me stesso, non riferito al romanzo…come faccio adesso a leggere un ALTRO romanzo…sono sommerso di libri, e mi manca una canzone per l’estate, ancora. Una domanda…come mai non si può commentare il post manifesto II?

  8. jacopo nacci ha detto:

    …come faccio adesso a leggere un ALTRO romanzo…

    Non so. Scegli: o perché Vasta è the now big thing, o perché il fatto che Vasta sia the now big thing è assolutamente giustificato.

    Una domanda…come mai non si può commentare il post manifesto II?

    Perché ho tolto la possibilità di farlo. ^__^

Pubblica un commento