Cose preziose

jacopo nacci, 3 novembre 2011

Quello che leggevo era la mia vita, i miei pensieri, ero io che parlavo con un amico in un pub di Bologna o io che mi barcamenavo tra improbabili standard igienici in alloggi universitari, io che cercavo di capire qualcosa di politica municipale.

Da Parole vecchie ma ancora nucleari (prima parte) di Tom Bombadil.

Segui il rizoma

Adamo e Costola Oggi esce Costola, antologia di racconti illustrata, con dentro Alessandro Ansuini, Giovanni Di Iacovo, Pippo Balestra, Jacopo Nacci, Diego Fontana, M...
Persona e personaggio Camille Corot, Orfeo guida Euridice fuori dall'Oltretomba, 1861 Qualcuno disse che Orfeo il cantore abbia preferito perdere la “persona” Euridice,...
Platania parla di Dreadlock Dreadlock! è un compatto romanzo d’avventura con citazioni colte ben dosate, come accade nelle migliori sceneggiature di fumetti d’autore. Federi...
La soluzione dello sguardo (in discesa e risalita) C'era un pezzo molto bello e vero di Ferdinando Camon, intitolato Noi e le rivoluzioni arabe, che purtroppo non trovo più in rete. Devo dire che lì p...