Di fronte a lui

Jacopo Nacci, 4 aprile 2008

(clicca sulle tavole per ingrandirle)

Di fronte a lui, Alessandro Baronciani e Jacopo Nacci.
Apparso su “Concrete – lo spirito continua”, per informazioni: concrete@absoluteblack.net.

Segui il rizoma

Nazionalsurrealismo - Tu non ci crederai. - Cosa? - Al lavoro, il tizio che ha la scrivania di fianco alla mia... è un nazista. - Eh… capirai… - Non hai capito....
Polli, gente, tempo (con fuga) E’ mattina e Lan Tze sta andando al mercato. Porta due polli piccoli in una gabbia di bambù. Subito dopo il ponte sopra il ruscello Keng, la strada gr...
Poretto Bambino 1: -Guarda, c’è un insetto grossissimo! Bambino 2: -Mado’. Bambino 1: -Eheheh! Lo schiacciamo? Bambino 2: -Eheheh! S&igrav...
Esegesi difficile Ma cosa sono i mostri? Andiamo all’origine dei mostri – fa la Marcuzzi, in uno studio buio, con un cono di luce che la illumina solo parzi...

4 commenti a “Di fronte a lui”

  1. utente anonimo ha detto:

    IoI

  2. chik67 ha detto:

    Si resta un po’ muti.

    Bello lo so dire ancora, però.

  3. mamikazen ha detto:

    A lui fa male lui, e lo capisco, perché anche a me fa male lui.

    A te, però, fanno malissimo i treni.

  4. UnaStranaStrega ha detto:

    tu già lo sai, ma ad ale diglielo.

Pubblica un commento