Festa della Repubblica

Jacopo Nacci, 2 giugno 2008

Ascolto Bob Marley ed è una bella giornata.
Allora penso di uscire, mangiare qualcosa e andare al parco a leggere.
Così esco. Entro nel bar sotto casa e chiedo cosa c’è di salato. La ragazza rumena al banco cerca inutilmente di elencarmi gli ingredienti dei pezzi salati mentre la padrona del bar urla cose a un amico che sosta fuori dal bar. A un certo punto la padrona fa alla ragazza:
-E sta zitta, diobono.
Prendo un pezzo di margherita, pago ed esco.
Vado verso il parco, dista qualche isolato. Ogni volta che mi avventuro sulle strisce pedonali la macchina in fondo alla strada accelera ringhiando, vuole passare per prima. Indietreggio. Attendo che la strada sia deserta e passo.
Mentre cammino verso il parco mangio la pizza. Arrivato nei pressi del parco entro in un altro bar per prendere il caffè. Mi avvicino al banco e per due volte, prima che riesca a parlare, qualcuno allunga un gomito sulla mia spalla e urla un’ordinazione. Alla fine la barista mi guarda interrogativa.
-Un caffè, perfavore.
-EH?!
-Un caffè, perfavore.
Un piattino viene lanciato sotto i miei occhi. Dopo mezzo minuto arriva la tazzina. Il caffè è buono. Penso a Manfredi: se non è buono che piacere è, eh. Vado alla cassa. La cassiera mi guarda interrogativa.
-Pago un caffè.
-Un euro.
-Ecco qui. Grazie, arrivederci.
Nessuna risposta. Esco dal bar. Guardo il parco. Mi giro e comincio ad andare. Accelero il passo per tornare a casa il prima possibile, ad ascoltare Bob Marley.

Segui il rizoma

A Pàlados domani a Camilo: in relazione all'adesione estetica Stamattina, poco prima di svegliarmi, ho creduto di essere a casa, all’isola di Pàlados...
One day one trip 7 18:48 Capo: -Perché non gli interessa? Jago: -Ha detto che sono sopravvissuti finora senza, e non hanno voglia di affrontare la spesa, ci pense...
Esegesi difficile Ma cosa sono i mostri? Andiamo all’origine dei mostri – fa la Marcuzzi, in uno studio buio, con un cono di luce che la illumina solo parzi...
Bologna-Pesaro ICplus Rossini Mamma: - Hai deciso chi invitare per il tuo compleanno? Figlio: - Sì, invito Norman… Loris… Denis… Antonio… Mamma...

10 commenti a “Festa della Repubblica”

  1. RottamieViolini ha detto:

    un mondo di stronzi o un mondo stronzo?

  2. jacopo nacci ha detto:

    Ottima, ottima domanda, Violini.

  3. effettopauli ha detto:

    Solo un euro? Sei stato fortunato.

  4. anarcadia ha detto:

    Oppòrca.

  5. wormholeseeker ha detto:

    non mi dire che ti sei perso la parata militare!!!!!!!!!?????????

  6. anarcadia ha detto:

    Senza passo dell’oca, cadenza e saluto romano? Ma che razza di parata militare è?

  7. wormholeseeker ha detto:

    di parassiti appunto….

  8. anarcadia ha detto:

    Ah, ecco. Anche se in realtà io non ce l’ho con i soldati repubblicani, che di per sè appartengono ad una istituzione indebitamente bistrattata: mi piacerebbe anzi che la nostra sovranità fosse garantita più dalla temibilità del nostro esercito, che dalla presenza statunitense sul nostro territorio vassallo.

  9. wormholeseeker ha detto:

    come non darti ragione anar…

  10. anarcadia ha detto:

    Beh, sai, è che ci sono tanti fanatici che prendono per “antimilitarismo” l’eliminazione degli esèrciti, in giro. L’esercito è il presupposto della sovranità ad intra e ad extra: le armi sono il presupposto per la diplomazia tra gli stati e pure per il mantenimento dello stato di diritto al’interno del paese, a meno che non si viva nel paradiso terrestre.

Pubblica un commento