Grigorios Kapsomenos

jacopo nacci, 12 aprile 2011

Ieri ho appreso che il 9 aprile se n’è andato Grigorios Kapsomenos, per molti semplicemente Gregorio, il libraio della Libreria delle Moline. La Libreria delle Moline: credo che rimarrà, per molti di noi, l’archetipo della libreria. Grigorios: in dodici anni trascorsi a Bologna tra università, strade, centri sociali, facoltà, collettivi, osterie, laboratori, appartamenti, redazioni, non ho mai incontrato nessun altro che emanasse – quasi visibilmente, quasi tangibilmente – una simile aura di cultura, profondità umana e profonda umanità.
Su Carmilla Chiara Cretella ricorda Grigorios.

Segui il rizoma

Ecco fera faccia di Gwar n.14 Ignora i segnali, le brecce, sorride e finge di niente, (va tutto bene! va tutto bene!,) fino a che il frastuono emesso dalla realtà raggiunge ...
Ciò che determina il destino Da Ordo amoris, di Max Scheler: Chi ha l'ordo amoris di un uomo ha l'uomo stesso. Ha per l'uomo inteso come soggetto morale ciò che è la formula d...
Ecco fera faccia di Gwar n.1 Rinuncia a un sonno cristiano e con autoriprovazione si abitua a dormire dalle otto del mattino alle tre del pomeriggio. Dopo aver letto qualche pagin...
Continuum Matite spuntate Maglie ammassate Piatti ammucchiati Desktop affollati Libri impilati Spicci atterrati Lenzuola sfasate Tazze lasciate Quadri appoggiat...

3 commenti a “Grigorios Kapsomenos”

  1. camillo tarozzi ha detto:

    è vero, ci mancherà molto

  2. Stefano Smiderle ha detto:

    Ho avuto il piacere di conoscere Gregorio nel lontano 1989, agli albori della mia esperienza universitaria. Sin dal primo istante che ne feci conoscenza, riconobbi lo spessore culturale, umano e spirituale della sua persona. Scoppiò immediatamente l’amicizia e una profonda simpatia. Per molti indimenticabili anni, la libreria delle Moline ha rappresentato per me un luogo ideale dove la mia anima ha trovato il nutrimento che solo la voce e il sorriso di Gregorio – grazie ai suoi inappuntabili suggerimenti e preziosi commenti – potevano assecondare.
    Ricordo di averlo sentito al telefono lo scorso marzo; mi rassicurava sul suo stato di salute invitandomi a non passare a trovarlo in ospedale, tanto ci saremmo rivisti presto in libreria…
    Voglio credere che “morendo noi andiamo verso i morti che amiamo. Essi ci accolgono nella loro cerchia. Non il vuoto del nulla ci accoglie, ma la pienezza della vita veridicamente vissuta. Noi entriamo in uno spazio pervaso dell’amore e risplendente della verità” (Jaspers).
    Ti ricordiamo, Gregorio.

  3. jacopo nacci ha detto:

    Grazie del passaggio e del commento, Stefano.

Pubblica un commento