Guida ai super robot su Superclassifica Giò

jacopo nacci, 22 febbraio 2017
Getter Robot, 1974

Getter Robot, 1974

Il pregio della pubblicazione è la disamina completa dei vari aspetti di queste produzioni animate: approfondite analisi sul team dei protagonisti, lo sviluppo della narrativa per capire come si costruivano queste storie e le relative sottotrame, i tipi di approcci all’estetica del robot, all’interfaccia uomo-macchina, ai nemici e tanto altro. Il grosso limite è, a mio avviso, il fatto che quest’analisi sia estetica che filosofica venga filtrata, per stessa ammissione dell’autore, attraverso uno sguardo prettamente occidentale che decontestualizza l’anime dall’alveo in cui nasce e cresce.

Giorgia Vecchini segnala e valuta Guida ai super robot su Superclassifica Giò, la sua rubrica personale su Best Movie.

Segui il rizoma

Ilaria Giannini parla di Dreadlock Qui si agisce verso il bene ma è il male che viene compiuto, esso è inevitabile, come se una qualche forma di salvezza potesse arrivarci solo dalla ...
Della Bella recensisce Dreadlock E’ in questi vuoti di secondo livello, apparentemente immateriali, che l’io narrante si avventura per stanarne ogni pulsione di morte, ogni concre...
La questione di genere nell’anime super-robo... Gackeen, 1976 Tra eroine (troppo) perfette destinate a fallire, personaggi secondari accudenti e nemiche sensuali, non possiamo che giungere alla st...
Sangue – La nostra razza non esiste, – ha detto, – le persone, per esistere, devono pensarsi con molta forza. Invece noi non siamo fatti di pensiero, sia...