Guida ai super robot su Wired

jacopo nacci, 24 Marzo 2017
Daitarn 3, 1978

Daitarn 3, 1978

L’attenta analisi di Jacopo Nacci procede secondo un metodo che si potrebbe dire simile a quanto fatto dagli strutturalisti sulle fiabe a inizio Novecento. Le somiglianze non diventano che topoi ricorrenti (l’orfano-alieno, il padre della tecnica, la catastofe-già-avvenuta), sulle quali si innestano variazioni sulla psicologia del personaggio, l’ambientazione, la natura della minaccia, la relazione con la tradizione o con l’attualità e così via.

Paolo Armelli dedica un bell’articolo a Guida ai super robot, su Wired Italia.

Segui il rizoma

Dreadlock su Tarantula “Dreadlock!” è una gran bella storia (e non le manca niente: sorprese e capovolgimenti compresi), ma la critica culturale che pervade tutto il rac...
La questione di genere nell’anime super-robo... Gackeen, 1976 Tra eroine (troppo) perfette destinate a fallire, personaggi secondari accudenti e nemiche sensuali, non possiamo che giungere alla st...
I robottoni su Nathan Never Magazine Clicca sull'immagine per leggere l'articolo Altro Bonelli, altra firma, altra menzione: Giuseppe Lippi parla di Guida ai super robot su "Nathan Ne...
Due nuove recensioni per Guida ai super robot Ufo Robot Grendizer, 1975 Mentre la Guida ai super robot finisce tra i sei libri consigliati da I dolori della giovane libraia e tra i cinquanta l...