Il novissimo Kyashan – La rinascita

Jacopo Nacci, 18 gennaio 2006

Stamane a Bologna è partito il future film festival. Alle undici di ‘sta mattina sono andato a vedermi La Rinascita, il discusso film tratto dalla mitica serie Kyashan. Il film verrà riproiettato questa stessa sera alle 23.00 al Capitol. Tecnicamente degustibus: se vi piacciono i video dei Prodigy, i videogiochi ultramoderni, i combattimenti dove si capisce poco e la paccottiglia techno-gotico-metallara, bé, allora dovreste andarci assolutamente. Per quel che mi riguarda, le parti migliori sono proprio quelle a musica sparata, dove l’effetto videoclip è almeno portato a estreme conseguenze. Identici restano i nomi dei personaggi e il costume di Kyashan, privo però (simbolicamente?) del casco, che viene distrutto da un’esplosione poco prima della rinascita del nostro. A volte, come nel caso della rivisitazione dei cupissimi scenari da seconda guerra mondiale, l’impatto della tecnologia disponibile restituisce vita all’estetica dell’originale trascinandola al limite; e chi come me ha adorato il cartone apprezzerà soprattutto l’unico combattimento revival tra Kyashan e un plotone di robot, realizzato dannatamente bene, tanto che viene da domandarsi se non era il caso di sfruttare le nuove potenzialità tecniche per girare un remake fedele all’originale. E invece no: il film è volontariamente l’opposto della serie originale: là Tetsuya si sacrificava di sua sponte e rinunciava alla propria umanità facendo di sé l’androide Kyashan, l’unico in grado di combattere gli altri androidi, quelli nazisti, decisi a sterminare il genere umano; diversamente nel film, dove Tetsuya muore in guerra e viene fatto rinascere forzatamente dal padre grazie alla biotecnologia; ancora, nella serie originale gli androidi erano indefinitamente più potenti e soprattutto più cattivi degli umani, i quali sviluppavano al massimo una forma di razzismo nei confronti dei robot (razzismo del quale Kyashan era spesso vittima); nella nuova versione tutti sono fascisti e guerrafondai, tutti sono cattivissimi e potentissimi, e i neo-nati non sono androidi bensì cadaveri rimaneggiati dall’aspetto e dalle motivazioni decisamente umani. Kyashan si risveglia in un mondo nel quale non voleva tornare, con il cuore reso impuro dalla guerra dove ha ucciso ed è stato ucciso, disorientato e incapace di prendere le difese di qualunque parte in causa, se non di quei villaggi i cui abitanti vengono sterminati (dopo essere stati bollati come “terroristi”) dai soldati nevrotici che eseguono entusiasticamente gli ordini più brutali e dei quali lui ha fatto parte nella sua prima vita. E la vita, anzi, la negazione del significato della vita è l’oggetto di critica preferito dagli autori: gli uomini uccidono e rianimano con una facilità di mezzi e una leggerezza d’animo che ha dell’incredibile, mentre è proprio l’unicità della vita a renderla densa di significato e di rispetto, e, circolarmente, è la comprensione di tale unicità che inibisce l’assassinio: in pratica, la tendenza alla rianimazione conduce alla tendenza a uccidere. La sentenza morale finale del film è di un pacifismo psicologicamente violentissimo: esistere genera il male naturale, quello degli altri più che quello interiore, cioè: esistendo non possiamo che fare male agli altri, quindi non-esistere o smettere-di-esistere è la redenzione, o almeno questo è quello che sono riuscito a evincere dal complesso, dato che a tre-quarti del film i sottotitoli sono andati a farsi benedire per riprendere pochi minuti prima del finale, e i dialoghi probabilmente più importanti – compreso il lungo monologo del supercattivo – ce li siamo figurati ascoltando il giapponese. Il pubblico è stato molto comprensivo: se fossi stato un fanatico che ha atteso per più di un anno questa anteprima e me l’avessero seccata così dopo aver intascato i miei sette euri non sarei stato tanto accondiscendente. Auguro agli spettatori delle 23.00 di incorrere in più felice circostanza.

Segui il rizoma

L’altro me (parte decima) Pubblico, in una serie di post, l’intervento al Pesaro Comics & Games 2014.(La prima parte, la seconda, la terza, la quarta, la quinta, la sesta, ...
L’ultimo Gabibbo Questa recensione è apparsa sull'Indice di ottobre. Michele Botta ha ventisei anni, è compulsivo, nevrotico, particolarmente abile a trovare pretesti...
Rito e sacrificio nella stanza profonda Pubblico una riflessione di Filippo Cicoli che amplia in modo inatteso il discorso su La stanza profonda di Vanni Santoni (che ho recensito qui). ...
Persone Sabato 11 dicembre, alle 18.oo, presso il circolo l'Otto, parlerò con Federica Sgaggio del suo nuovo romanzo, L'avvocato G. C'è un'immagine che mi vie...

8 commenti a “Il novissimo Kyashan – La rinascita”

  1. Twentythird ha detto:

    Sigh…io volevo andare a vedere sia la rassegna sui fantasmi giapponesi, sia altre robe, ma mi tocca rinunciare, e perchè sto a secco di dindini [maledette feste], sia perchè c’ho da studiare una cifrissima.

    Mannaggia.

    P.S.: te pensi di andare in maniera regolare? Se sì, avrei una cosina da proporti…magari ne parliamo in privato. Fammi sapere:-)

  2. jacopo nacci ha detto:

    Penso di andare in maniera irregolare ma costante. Significa qualcosa? :-)
    Dimmi tutto.

  3. Twentythird ha detto:

    Eccomi qua, scusami x il ritardo nella risposta:-)

    Dunque, in pratica, avrei piacere che scrivessi un ‘pezzo’ sulle cose ‘asiatiche’ passate al FFF – e che hai visto, naturalmente. ‘Pezzo’ che andrebbe poi a finire sul nuovo sito sul cinema che sta in dirittura di arrivo [www.asiancinema.org.uk]. Naturalmente, il pezzo sarebbe a nome tuo, ed altrettanto naturalmente, se te la sentissi di collaborare attivamente [intendo in modo stabile, continuativo], ne sarei ben contento:-)

    P.S.: fammi sapere un pò che ne pensi, se è fattibile, etc etc.

  4. jacopo nacci ha detto:

    Ti scrivo in privato.

  5. Twentythird ha detto:

    E mi ha pure smangiato un commento…dicevo, non mi è mica arrivato il msg…usa la mail che trovi nel blog:-)

  6. Twentythird ha detto:

    Ecco, li ho visti:-)

    Comunque, ti ho ri-passato la palla:-P

  7. anarcadia ha detto:

    “esistendo non possiamo che fare male agli altri, quindi non-esistere o smettere-di-esistere è la redenzione”

    Ha un che’ di luterano, tutto ciò. E di buddhista, ovviamente. Ora cazzo ho ancora più voglia di vedermelo, damn!

Pubblica un commento