Il peggiore tradimento possibile

jacopo nacci, 29 luglio 2011

Simone Weil

Fino a quando non troveremo la possibilità di evitare questa oppressione degli apparati sulle masse nel corso della produzione e del combattimento, ogni tentativo rivoluzionario avrà qualcosa di disperato. Infatti, mentre ci è noto di quale sistema di produzione e di guerra noi agogniamo con tutte le nostre forze la distruzione, ignoriamo quale sistema accettabile potrà prendere il suo posto. D’altra parte, qualunque tentativo di riforma appare come puerile nei confronti delle necessità cieche implicite nel funzionamento di questo, mostruoso ingranaggio. La società del presente assomiglia a una immensa macchina che afferri gli uomini e di cui nessuno conosca le leve di comando; e coloro che si sacrificano per il progresso sociale assomigliano a gente che si aggrappi alle ruote e alle cinghie di trasmissione nell’ansia di arrestare la macchina, facendosene a loro volta stritolare. Ma l’impotenza in cui ci si trova a un dato momento, impotenza che non deve essere mai considerata come definitiva, non può dispensare dal rimanere fedeli a se stessi, né scusare la capitolazione davanti al nemico, di qualunque maschera si copra. Comunque si travestano linguisticamente il fascismo e la democrazia o la dittatura del proletariato, il nemico capitale resta l’apparato amministrativo, poliziesco e militare; un nemico non identificabile con quello che ci sta di fronte, identificabile perché si presenta come nemico dei nostri fratelli, bensì è il nemico che dice di essere il nostro difensore, mentre ci rende schiavi. In qualunque circostanza il peggiore tradimento possibile consiste sempre nell’accettare la subordinazione a questo apparato e nel calpestare in se stessi e negli altri, per servirlo, tutti i valori umani.

Simone Weil, “Riflessioni sulla guerra”, Incontri lbertari
Traduzione di Maurizio Zani

Segui il rizoma

Indignazione e satira nell’Osceno «Fa ancora parte dell'indifferenza prodotta dall'Osceno il fatto 
che ci si indigni. Benché appartenga alle reazioni spontanee che questo 
sistema p...
Sampling Reich "Il fascismo è l’atteggiamento emozionale fondamentale dell’uomo autoritariamente represso dalla civiltà delle macchine e dalla sua concezione mecca...
Tu sei un altro Sabato alle 16.30 alla Biblioteca San Giovanni, a Pesaro, Demetrio Paolin e io presentiamo La seconda persona, poi Demetrio legge un inedito, o forse ...
Come sono diventata Ti sei mai chiesto perché ciò che la gente come me ha imparato da voi si limiti solo a come imprigionarsi e uccidersi a vicenda, come governare malame...

3 commenti a “Il peggiore tradimento possibile”

  1. Magnificent Reactor ha detto:

    Pare scritto ieri.
    Sono andato a leggere qualcosa su Wikipedia a proposito della Weil. Interessante, soprattutto la critica del pensiero marxiano. Non sarebbe bello vedere tutti questi filosofi che riuniti in un’Agorà continuano a confrontarsi ed affinare le proprie intuizioni magari addivenendo un giorno ad una sintesi definitiva ? E’ come “la teoria del tutto” per quello che riguarda il meccanismo dell’universo materiale.

  2. asophia ha detto:

    Il rapporto tra uomo e società è molto interessante anche nella dialettica dell’illuminismo di Adorno e Horkheimer anche se si incentra sul rapporto del dominio della natura, da questo rapporto viene messa in risalto l’azione dell’uomo del corso del tempo sino ad oggi.

  3. Roger ha detto:

    Molto interessante. La condivido appieno. Il nemico capitale dell’uomo è senza dubbio l’apparato amministrativo, che si traveste da difensore, ma che in realta’, è il suo piú acerrimo schiavita. Lo fa sentire protetto, ma in realta’ è da egli controllato, attraverso il lavoro, la produzione e il consumo coatto gli insegna l’autocontrollo come felicita’ sociale.

Pubblica un commento