Into McCandless

Jacopo Nacci, 12 marzo 2008

Tanto geniale quanto inattesa è la spietatezza di Into the wild, scopertosi, Sean Penn, crudele gigione.

La storia. Malgrado sia nato nel ’68, McCandless è un povero hippie: non reca sintomi della rivelazione punk e "ragiona" come uno che nel sessantotto c’aveva venticinque anni; brancola (vedi la foto) tra opposizioni concettuali borghesi, illusorie e stucchevoli, tipo naturale/innaturale e vero/sociale. Dopo aver affrontato il Padre Autoritario e lo Sbirro Repressivo, finalmente McCandless giunge nella Naturale e Vera Alaska. Naturalmente e da Vero Fricchettone, il libro sulle piante selvatiche lo ha letto in fretta e male. E così ne mangia una velenosa, e muore tristissimo perché si sente inutile e solo, e nemmeno l’orso lo considera. Sean Penn è un grande e io lo amo.

Appendice
Sublime l’effetto delle musiche: la favolosa colonna sonora di Eddie Vedder fa apparire tutto surreale. Che so: qualcosa tipo Shine On You Crazy Diamond mentre in controluce, sul sole che tramonta, al rallentatore, Banfi si prende a schiaffoni.

Segui il rizoma

Be aggressive Questa recensione è apparsa sull'Indice di maggio. A tre anni dall’esordio A cena con Lolita (Pendragon 2005), torna Eva Clesis con un romanzo agile ...
Il novissimo Kyashan – La rinascita Stamane a Bologna è partito il future film festival. Alle undici di ‘sta mattina sono andato a vedermi La Rinascita, il discusso film tratto dalla mit...
Resa di un recensore di Candida (parte seconda) Come ho scritto nella prima parte, Il bisogno dei segreti ha la fisionomia di un campo di indagine morale, e questo soprattutto per il finale, che è...
Federico Platania, Il primo sangue Andrea vive con i suoi genitori in una casa minuscola e lavora in una mensa tirando su novecento euro al mese. Trascorre la sua vita in una periferi...

6 commenti a “Into McCandless”

  1. benvenga ha detto:

    Peggio di una scimmia in acido…

  2. UnaStranaStrega ha detto:

    devo dire che una trama sì originale mi spaventa alquanto. devo dire che continuare a sentirne bene fa vacillare i miei pregiudizi. insomma, che faccio, lo vedo?

  3. jacopo nacci ha detto:

    @Strega
    secondo me è da vedere in ogni caso.

    @Benvenga
    chi? Sean Penn? McCandless?

  4. ilRdellaCarlina ha detto:

    Into The Wild è quel film su quel tipo che caga nei greppi.
    Dura due ore e mezza.
    Chissà i contenuti extra, quando esce il dvd.

  5. jacopo nacci ha detto:

    #4

    ottimo.

  6. wormholeseeker ha detto:

    A volte, mi capita di pensare che questo bisogno di ritornare alla natura, alla base…non sia che un modo, un metodo sistematico di negare l’attuale, anzi più precisamente di rinnegarlo, come qualcosa che non c’appartiene, che non abbiamo generato…idiosincrasia…il sacrificio del novello isacco

Pubblica un commento