Iodio

Jacopo Nacci, 13 febbraio 2008

Qualcosa di buono mi è stato accanto tutto il pomeriggio, iniettando in me il sospetto, quasi la certezza, che oltre il cortile, oltre il funk rumeno, oltre il lato opposto del palazzo, e magari dopo altri tre metri, San Salvario finisse. Che cominciassero viali alberati, aria tersa e colma di salsedine, ville di persiane colorate e infissi lavorati, sabbia fina che si alza con la brezza.
Poi son dovuto andare a fare la spesa.
Non va.
Qualsiasi cosa tu sia, grazie davvero.
Ma non sei casa mia.


i and i

I and I


Segui il rizoma

Ecco fera faccia di Gwar n.15 Giovedì non ha capito. Cerca la sua colpa e prega di trovarla. Cerca cos’è che non gli torna, ma siccome non gli torna non lo trova. Si mette a letto,...
?Battiato Con il Corano chiuso affinché il Profeta non sentisse

Limùn mi trasmetteva la segreta tradizione del cesso siberiano

che è costituito di due bastoni...
Confrontation II I fatti che andremo a narrare non sono realmente accaduti, ma ciò non toglie che essi potrebbero accadere in quella regione che si trova ai con...
Ecco fera faccia di Gwar n.13 In quel tempo disse ai suoi monologhi: prendetevi tra voi e unitevi nella maniera più sapiente. E uscì. Quando tornò vide che alc...

3 commenti a “Iodio”

  1. anarcadia ha detto:

    “Ma non sei casa mia”

    Volevo ben dire.

  2. ragadepolipale ha detto:

    grazie jago, per un istante sono stato lì.

    grazie.

    A.

  3. utente anonimo ha detto:

    solita stupenda foto.

Pubblica un commento