La casa delle libertà

Jacopo Nacci, 1 maggio 2005
-Allora, sei stato ieri alla manifestazione della Rete Universitaria «Riprendiamoci Piazza Verdi»?
-Merda che figata.
-Di’ un po’.
-E niente: non so com’era al pomeriggio: sono passato e ho visto solo che c’era ‘sto furgoncino con attaccato lo striscione con scritto "riprendiamoci piazza verdi" o tipo, che esalava gas letali e faceva un casino della madonna, e mi è venuto da ridere che loro fanno tutta la storia sulle macchine che passano in Piazza Verdi. Son loro, no? Boh, tanto è la stessa cosa. Sono dei miti, cazzo, non gliene frega un cazzo. E niente: sono andato via subito, e non so se c’è stata tutta la storia delle mostre, le assemblee eccetera, ma tanto di quello non gliene fregava un cazzo a nessuno. E niente: la sera è stata una figata, è stato un bordello. La gente stava fuori. Prendevano a calci i bidoni, via Petroni era piena di merda rovesciata dai cassonetti. Si sono messi a suonare i bonghi davanti al teatro, per rompere i coglioni a quelli che stavano dentro. Bellissimo.
-Ti sei divertito.
-Il più bel momento di lotta politica della mia vita.
-Momento di lotta politica?
-Certo, per essere liberi. Io voglio essere libero.
-Per essere liberi da cosa, scusa?
-Dallo sfruttamento, dal precariato, dal… dal…
-Scusa, cosa c’entra il precariato con  cinquecento bufali vestiti con le pezze al culo e pieni di soldi che si divertono a radere al suolo una città?
-Vabbé, ma quello che cazzo c’entra. La colpa è dell’ordinanza sugli alcolici che è fascista. Loro vogliono che noi, vogliono che noi facciamo quello che vogliono loro, e invece. Invece… Senti: credi che io vengo qui per buttare le bottiglie nel bidone e pisciare nei cessi? Bologna è merda, noi paghiamo per stare qui e fare quello che vogliamo: mio padre paga, sgancia un tot di soldi per farmi vivere qui e ne sgancia un tot a me per divertirmi. Quindi io pago, e se pago faccio quel cazzo che mi pare.

Segui il rizoma

Micragna non vuole morire Il cellulare squilla. Il numero sul display non mi dice nulla. Rispondo: -Pronto? Un istante di silenzio poi sento: -Nacci? Conosco questa voce, non m...
Rapporti, no? Begotti mi chiama alle nove di sera e mi dice: - Senti, per quella cosa che dicevi tu, si può fare, si può fare. Però bisogna che stiamo attenti. E ...
Altri Bolognesi Questo racconto è stato scritto un anno e mezzo fa, di getto, durante i festeggiamenti per l'avvento prossimo del Cinese alla guida di Bologna. In rea...
Chinese in helicopter Yess boss, yess boss, yess boss, yes boss Chinese in helicopter A search fi pakistani Policemen in de streets Searchin da paki-beer Soldiers in da fi...

3 commenti a “La casa delle libertà”

  1. innovari ha detto:

    Caro Don_Jago,
    mi prendo la responsabilità di aver riproposto il tuo post dal titolo “la casa delle libertà” sul blog “Lo spettro della bolognesità”.
    Spero non te ne avrai a male.
    L’idea di questa operazione è totalmente mia.

    Un Saluto,
    INNOVARI

  2. jacopo nacci ha detto:

    Ave a te INNOVARI, grazie, e benvenuto su New-Clear Wordz.

  3. utente anonimo ha detto:

    Di una logica stringente ed ineccepibile. Io pago, dunque…
    L’ordinanza sugli alcolici, però, è il male assoluto. Tempo fa ero in Messico in vasolo là ho appreso che, in tutto quel paese, non è possibile neppure bere per strada. Non vi immaginate che giramento di coglioni per uno che ha fatto della birra seduto sulla panchina il centro della sua vita. Insomma, non ce l’ho proprio fatta ad abituarmi e, dopo quattro cinque giorni, sono scappato in Guatemala….

    PP.FN

Pubblica un commento