La Guida del Mistè

jacopo nacci, 26 luglio 2018

È finalmente fuori la Guida ai super e real robot di Jacopo Mistè, un lavoro che ho voluto tantissimo, proponendo l’idea a Odoya e all’autore, lavorando come un pazzo all’editing e scomodando i santi dai loro troni aurei. Ne valeva la pena.

Guida ai super e real robot è e insieme non è il sequel di Guida ai super robot: lo è perché cronologicamente inizia là dove GSR finiva, e non lo è perché l’impostazione è completamente diversa, ma perfettamente adeguata al suo soggetto quanto quella di GSR lo era al suo. Il libro di Jacopo Mistè non è un catalogo completo di tutto ciò che è uscito tra Gundam e il post-Evangelion, e non è un testo di narratologia: dal 1980 il genere perde il suo canovaccio base per trasformarsi in qualcosa di completamente diverso, un arcipelago dai confini sfumati, composto da franchise infiniti, percorsi autoriali di spessore e complessi ibridi periferici dei quali è difficile stabilire lo statuto una volta per tutte.
La scena degli anni Ottanta e Novanta, dunque, richiedeva altro, e in Guida ai super e real robot lo troverete: troverete l’avvincente storia di una vecchia generazione che continua pervicacemente a portare avanti un progetto di robotica real incentrata su contenuti e continuity, e quella di una nuova generazione che, cresciuta con i robottoni degli anni Settanta, stravolge l’animazione robotica in meta-animazione, postmodernismo, ricombinazione, citazionismo; i nomi degli eroi non saranno Hiroshi Shiba, Tetsuya Tsurugi e Kōji Kabuto, bensì Yoshiyuki Tomino, Ryōsuke Takahashi e Hideaki Anno: vivrete le avventure di autori inchiodati controvoglia alle loro serie di successo e di visionari cacciati dalla realizzazione dei loro capolavori, di grandi vecchi dell’animazione concentrati su progetti sempre più estremisti dal punto di vista visuale e contenutistico, e di otaku esaltati, scatenati, talvolta pentiti, perduti; rivivrete l’invenzione del fanservice e dell’home video, l’ansia degli indici di ascolto e delle vendite di merchandise che decretano la vita o la morte delle serie; avrete a disposizione una mole di dati e fonti mai vista prima, esposta con una precisione senza precedenti, e verrete a sapere quale è stato il singolo apporto di ogni singolo artigiano alle serie più importanti. Conoscerete, insomma, ciò che davvero è avvenuto in quei venti anni di animazione, pressoché sconosciuti in occidente, che vanno dalla fine della sbornia dei super robot all’esplosione di Evangelion e dei suoi epigoni. Guida ai super e real robot è un must, un documento fondamentale, che con dovizia di particolari copre un buco informativo enorme, per non dire grave, e sistematizza una volta per tutte la nostra concezione dell’animazione robotica.

Segui il rizoma

Dreadlock su Tarantula “Dreadlock!” è una gran bella storia (e non le manca niente: sorprese e capovolgimenti compresi), ma la critica culturale che pervade tutto il rac...
Reloaded L'ebook su IBS
Radici Il secondo dei tre racconti che compongono Lo zelo e la guerra aperta, "Radici", è on-line su Tracce nella rete, il blog di Ilaria Giannini. Colgo...
Guida ai super robot su Sakura Magazine Daikengo, 1978 Un nuovo libro nell’ormai abbastanza ampia saggistica in tema animazione giapponese, ma anche un libro nuovo come approccio a quello ...