La questione di genere nell’anime super-robotico

jacopo nacci, 10 maggio 2017
Gackeen, 1976

Gackeen, 1976

Tra eroine (troppo) perfette destinate a fallire, personaggi secondari accudenti e nemiche sensuali, non possiamo che giungere alla stessa conclusione di Nacci: non c’è una risoluzione decente alla questione femminile nell’anime super robotico classico.
Per fortuna poi il mondo andrà avanti e farà capolino un’eroina vestita alla marinara, pronta a lottare in nome della Luna.

Su Bossy, Stefania Covella affronta la questione di genere nell’anime di super robot prendendo le mosse dal capitolo nove di Guida ai super robot.

Segui il rizoma

Radici Il secondo dei tre racconti che compongono Lo zelo e la guerra aperta, "Radici", è on-line su Tracce nella rete, il blog di Ilaria Giannini. Colgo...
Nicola Ciccoli su Dreadlock Scrive Nicola Chik67 Ciccoli su Anobii a proposito di Dreadlock: Credo che sia istintivo pensare che questo racconto lungo sia, in qualche misu...
Guida ai super robot su Internazionale e Carmilla Baldios, 1980 Due bellissime recensioni, oggi, per Guida ai super robot: Jacopo Nacci con la sua guida ai super robot ripercorre quell'epopea in ...
Fortune Talvolta un testo reca in sé un significato di cui l'autore non è cosciente, ma che, una volta portato alla luce, egli è costretto a riconoscere come ...

Pubblica un commento