La questione di genere nell’anime super-robotico

jacopo nacci, 10 maggio 2017
Gackeen, 1976

Gackeen, 1976

Tra eroine (troppo) perfette destinate a fallire, personaggi secondari accudenti e nemiche sensuali, non possiamo che giungere alla stessa conclusione di Nacci: non c’è una risoluzione decente alla questione femminile nell’anime super robotico classico.
Per fortuna poi il mondo andrà avanti e farà capolino un’eroina vestita alla marinara, pronta a lottare in nome della Luna.

Su Bossy, Stefania Covella affronta la questione di genere nell’anime di super robot prendendo le mosse dal capitolo nove di Guida ai super robot.

Segui il rizoma

Porpora commenta Dreadlock I Laureati visti da Giulio Giordano Curioso come il rapporto con le forze del Male – qui interpretato principalmente dal Grottesco nel volto del c...
Una recensione e un’intervista Jeeg, 1975 Su Il Pickwick, Gioacchino Toni ha pubblicato una corposissima disamina ragionata, ricca di estratti, di Guida ai super robot. E Max G...
Campioni di Radici Uno e due brevi assaggi. "Radici", il secondo dei tre racconti che compongono Lo zelo e la guerra aperta, esce per intero domani sul blog di Ilaria ...
Guida ai super robot su Mangialibri Voltes 5, 1977 Il libro curato dal pesarese Jacopo Nacci invece scardina dal di dentro il format di cui sopra, rendendo Guida ai super robot qualcos...

Pubblica un commento