L’altro me (parte quinta)

jacopo nacci, 20 ottobre 2014

Pubblico, in una serie di post, l’intervento al Pesaro Comics & Games 2014.
(La prima parte, la seconda, la terza e la quarta
)

L’altro me – l’avversario nell’animazione robotica classica

Un mecha-oni (<i>Getter Robot G</> – Toei, 1975)

Un mecha-oni (Getter Robot G – Toei, 1975)

Ciò che torna dall’abisso. Che significa passare dal raffigurare l’avversario come una potenza straniera che aggredisce dall’esterno (Mazinga Z), al raffigurarlo come un passato preistorico universale o mitologico (Getter Robot, Il Grande Mazinga), al raffigurarlo come un passato storico e mitologico, non privo di tinte horror, che ci appartiene, nel quale siamo radicati (Jeeg, Getter G)?

Significa sperimentare il male scontrandosi con un nemico apparentemente esterno; di quel male isolare la dimensione astratta e universale; e in questa riconoscere qualcosa che ci appartiene e a cui apparteniamo, un passato che ha a che fare con noi, che rivendica il possesso di ciò che riteniamo nostro, che ci aggredisce.

Nagai e il suo staff esplorano possibilità della rappresentazione in una direzione sempre più astratta, concettuale, simbolica, come se Devilman avesse preso possesso della progenie di Mazinga Z e sperimentasse di volta in volta una forma dell’anime robotico adatta a veicolare la sua catastrofe psicologica e metafisica, generando varianti particolari di una poetica del ritorno del rimosso che investe pressoché tutta la narrativa di guerra di Nagai. Persino il formato “un episodio un mostro”, che è senza ombra di dubbio un’esigenza puramente commerciale, si concretizza in un eterno ritorno del già stato e nell’attesa del sicuro, prossimo ripresentarsi del perturbante.

Doublas M2

Doublas M2 (Mazinga Z – Toei, 1972)

Il primordiale nagaiano. Sconvolge l’ordine del presente moderno: è il reale che buca la realtà quotidiana, appare nella sua oscenità, è il sempre-già-stato che continuamente riaffiora e costringe al superamento, segnando indelebilmente i corpi nelle mutazioni, nuove sintesi talvolta felici, talvolta mostruose. L’universo dei demoni di Devilman (versione manga e OAV) è costellato spesso e volentieri di suggestioni nietzscheane, superomiste: i demoni vivono la loro potenza come un’estetica e le loro relazioni sessuo-metamorfiche, in cui trionfa il più forte, come un’etica, esprimendo la gioia dionisiaca dell’ordine naturale al quale, diversamente dagli umani e dalla tecnica, aderiscono completamente.

I tre topoi formalizzati. Che si apra il varco e che la dimensione psico-mitica divenga accessibile è cifra tipica di Nagai, che formalizza la topica mediante il posizionamento delle sue strutture caratteristiche: ritorno del rimosso, predestinazione dell’eroe, robot come mediatore divino: è sufficiente trasformare la predestinazione materiale imposta da Kenzo Kabuto a Tetsuya in una soluzione narrativa che leghi l’orfano all’avversario secondo una necessità psico-mitica – l’ignoto è una predestinazione e dobbiamo farci i conti – per giungere allo schema dell’anime robotico classico. Perseverando nella sua esplorazione delle immagini dell’abisso, nel 1975, con Grendizer/Goldrake, Nagai si approprierà dello spazio siderale e ne farà apertamente il luogo di origine dell’orfano e del suo trauma-già-avvenuto che torna a sconvolgere il presente. Ma su questo anime dirò poco: è il mio varco e mi impone la discrezione dovuta al sacro.

Grendizer (Toei, 1975)

Grendizer (Toei, 1975)

La psico-teologia degli eroi. Vale la pena qui di ricordare una variante interessante: nella Gettersaga di Nagai e Ishikawa, la psico-teologia è collocata dalla parte degli eroi sfruttando la formazione a tre come non si vedrà mai più se non forse in Zambot e Starzinger. Contro l’informe primordiale che torna – l’impero dei dinosauri o quello degli oni – il Professor Saotome schiera una squadra di eroi che è quasi una trinità: Ryoma è volontà e immediatezza; Hayato è scienza e politica; Musashi è spiritualità e tradizione. Da parte loro combattere contro i dinosauri e gli oni è istintivo, e ognuno vi trasferisce i suoi motivi personali: il rimosso che torna dal passato in Getter è un telone su cui ogni eore proietta il suo fantasma traumatico.

Il trio di Getter (<i>Getter Robot</i> – Toei, 1974)

Il trio di Getter (Getter Robot – Toei, 1974)

Il varco è stato aperto. È ormai cominciata l’era classica della produzione animata robotica. L’universo degli avversari comincia a complicarsi e a configurarsi più radicalmente come psico-mito o psico-teologia, cioè uno spazio mitico o ordinato secondo una gerarchia di stampo teologico, esiodeo, come abbiamo visto, nel primo post della serie, nel caso di Malik e della sua statua Madre: uno spazio che è proiezione o parallelo della vita psichica, mentale. Si evolvono due stilemi, quello più schiettamente mitologico, intrapreso dallo staff Sunrise/Toei che porta lo pseudonimo di Saburo Yatsude in collaborazione con il regista Nagahama, e quello più filosofico intrapreso da Yoshiyuki Tomino. È interessante che Tomino e Nagahama lavorino prima l’uno poi l’altro a una stessa serie, purtroppo inedita in Italia, la cui programmazione precede quella di Jeeg e Grendizer/Goldrake: Raideen, prima serie super-robot targata Sunrise. Raideen è il primo robot non nagaiano a raccogliere l’eredità ed evolverla incorporando diversi tratti che diverranno tipici dell’animazione robotica posteriore al 1974: è un robot divino vero e proprio, ereditato dall’antica civiltà di Mu, che combatte contro degli akuma, ovvero dei demoni, che si trasforma e usa un’arma finale per chiudere i combattimenti; il suo pilota, Akira, è un ignaro discendente del popolo di Mu, apparentemente orfano di madre e il cui padre viene trasformato in pietra e sequestrato dagli akuma nel primo episodio.

Nel prossimo post torneremo sul tema dell’orfano extraterrestre, e lo seguiremo nell’irruzione al di là del varco.

Segui il rizoma

Forever Once More Tutto mi sarei aspettato tranne che (a) sarei uscito su Fumettologica (b) con un pezzo su Creamy Mami. (^___^) Yū, te lo dovevo.
La guerra dei nerd La copertina dell'articolo su Not Rimettere al centro le storie, mantenere la vocazione tecnica e applicarla anche all’interpretazione e alla crea...
L’altro me (parte diciannovesima) Pubblico, in una serie di post, l’intervento al Pesaro Comics & Games 2014. (La prima parte, la seconda, la terza, la quarta, la quinta, la sesta...
Enfasi Dopo la quinta ora facciamo la strada insieme. Scarmiglia sta zitto, Bocca discute, io rispondo. Parliamo ancora dei comunicati, della loro lingua. Bo...

Pubblica un commento