L’iniziazione permanente

Jacopo Nacci, 8 settembre 2008

Una versione leggermente più corta di questa recensione, intitolata Psiconaufraghi, è uscita sull’Indice di settembre

Vanni Santoni, Gli interessi in comune, Feltrinelli 2008

Dove si raccontano dieci anni di scorribande, consuetudini e azzardi di sei ragazzi del Valdarno; il filo conduttore – l’interesse in comune – è l’uso di qualsiasi sostanza stupefacente si riesca a trovare. Romanzo a ritmica sovrapposta – drum’n’bass, verrebbe da dire – Gli interessi in comune esibisce in superficie l’immediatezza delle scene spietatamente esilaranti, ritrae i protagonisti mentre sono fuori dal controllo e navigano a vista, circondati da figure archetipiche come il Torcia, il Pelle, Barbazza e MasterKeta, immersi in sequenze lisergiche tra ermafroditi nella culla, soggetti che basculano sui guardrail o sono còlti da bad trip nel centro di Firenze.

Sul fondo, però, scorre un altro ritmo, come un fiume lento e fangoso. Perché qui non ci si nasconde che questi ragazzi, al di là dei suddetti interessi in comune, abbiano spesso ben poco da dirsi. E malgrado l’affetto reciproco, che c’è ed è forte, la sensazione è che di dirsi qualcosa non abbiano nemmeno troppa voglia. Della mancanza di una cultura o di un sentire condiviso sembrano peraltro pienamente coscienti: persino il loro manifesto generazionale – una miscellanea di tic verbali e mentali catalogati nell’arco di anni – non è che il manifesto dell’impossibilità di un manifesto. Infine, nemmeno nella droga sembrano cercare l’aggregazione, come vorrebbe una vetusta credenza: al contrario, sembrano aggregarsi per trovare e consumare sostanze; anzi: i personaggi che nel romanzo non agiscono da psiconauti, e usano effettivamente le sostanze non come fini bensì come mezzi di aggregazione, finiscono male. Il che contribuisce ad ammantare di un’aura sacrale la sostanza stessa, la sua ricerca, il suo uso. Un’aura sacrale che richiama la funzione svolta dalle sostanze psicoattive nei riti di iniziazione, funzione ignorata o nominata fino allo svuotamento di significato da parte della subcultura dello sballo che circonda i protagonisti, ma tenuta nella massima considerazione dai nostri psiconauti del Valdarno.

Del resto, la costante evocazione del rito di passaggio, se connessa a questa interminabile adolescenza che pare una sospensione del tempo e dell’età, non può non far pensare a un tentativo autonomo di accedere alla maturità e sancire la transizione; tentativo destinato a essere reiterato compulsivamente, privato com’è di un riconoscimento da parte del resto del mondo, il quale ne nega la validità rituale, e non a caso i protagonisti si richiamano a civiltà scomparse; e forse tentativo che viene reiterato, alla fine, proprio in virtù del suo ormai noto fallimento intrinseco, in un circolo dove l’indulgere nelle abitudini dell’adolescenza e la paura di non essere attrezzati alla vita adulta si alimentano a vicenda. «Perché, vedi, noi psiconauti…» fa Iacopo. «Stiamo attenti a non diventare psiconaufraghi» avverte il Mella.

Alla fine è la vita a raggiungere i protagonisti: se sia passata o no per i sentieri sui quali loro la avevano inseguita, è considerazione lasciata al lettore. Ciò che pare probabile è che da quei tentativi di afferrarla, che forse per un po’ l’hanno addirittura allontanata, essa trarrà i costumi di una nuova umanità.

Segui il rizoma

Forever Once More Tutto mi sarei aspettato tranne che (a) sarei uscito su Fumettologica (b) con un pezzo su Creamy Mami. (^___^) Yū, te lo dovevo.
L’altro me (parte tredicesima) Pubblico, in una serie di post, l’intervento al Pesaro Comics & Games 2014.(La prima parte, la seconda, la terza, la quarta, la quinta, la sesta, ...
L’altro me (parte nona) Pubblico, in una serie di post, l’intervento al Pesaro Comics & Games 2014.(La prima parte, la seconda, la terza, la quarta, la quinta, la sesta, ...
Le scuole teobaldiane – parte prima I neoteobaldici Heikenwaelder Hugo, Universum, 1998 Qui la seconda parte di "Le scuole teobaldiane" Nella mia testa accadono di consueto cos...

13 commenti a “L’iniziazione permanente”

  1. utente anonimo ha detto:

    Parlavo di questo libro con un amico qualche tempo fa. Sono convinto che il libro di Vannoni sia bello anche se ai viaggi della droga ho sempre preferito – molto banalmente – i viaggi zaino in spalla. Certo è che mi fa molto strano pensare che qualcuno possa scrivere qualcosa sulla generazione degli anni 90, pur se molto drogata. Io sono uno della generazione degli anni 90 e vi posso giurare che faccio schifo. Perchè qualcuno scrive i libri su gente che, come me, fa schifo ? Non so, non capisco.
    Non erano meglio gli anni ottanta? i settanta? i mitici sessanta?
    Non lo voglio comperare questo libro, non voglio sapere come sono. Fottiti, Vannoni.

    Parola di Caligola.

  2. anarcadia ha detto:

    “sembrano aggregarsi per trovare e consumare sostanze; anzi: i personaggi che nel romanzo non agiscono da psiconauti, e usano effettivamente le sostanze non come fini bensì come mezzi di aggregazione, finiscono male”

    Nel senso che se le sostanze sono il fine, hanno la speranza di essere soppiantate da un nuovo fine un giorno, mentre, se sono un mezzo, staranno sempre tra le palle dei poretti qualunque cosa essi faranno?

  3. jacopo nacci ha detto:

    Non sono sicuro di aver capito, Anarcadia.
    Anzi a pensarci bene sono sicuro di non aver capito.
    Posso solo ripetere che, nel libro, coloro che fanno uso di sostanze con il fine di entrare o restare nel gruppo finiscono male: è come una maledizione.

  4. anarcadia ha detto:

    Cercavo di razionalizzare.

    1) Vivo nel tempo, oggi c’ho un fine, domani un altro. Oggi il mio fine è la droga, domani no.

    2) Vivo nel tempo, oggi c’ho un fine, domani un altro. Oggi il mio fine è l’aggregazione, domani no: oggi il mio mezzo è la droga, che resta lì anche se cambio fine. E’ la mia fine.

  5. utente anonimo ha detto:

    bravo, grande recensione, per nulla mainstream e acuta nel cogliere gli aspetti più sottesi e decisivi

    xxx0xxx

  6. jacopo nacci ha detto:

    Grazie!
    ^^

  7. utente anonimo ha detto:

    Vannoni te lo compero il libro. Te lo giuro. Ma è merito del tuo recensore.

    Parola di Caligola

  8. asophia ha detto:

    ma guarda un pò in cosa mi sono imbattuta su myspace.
    leggo:
    “Segnalo questa bellissima recensione de “Gli interessi in comune” a firma Jacopo Nacci, apparsa su L’Indice* di questo mese.”
    leggo la recensione e mi dico:
    uh!interessante.
    via nella lista dei libri da leggere.

    muah!
    eppure questo nome l’ho già sentito.
    muble muble!
    ci rimugino su…

    segue un’onda celebrale tipica “onda beta” che mi trapassa il cervello a ritmo di elettroencefalogramma!

    illuminazione:
    toh! jaco di splinder

  9. anarcadia ha detto:

    T’si dapartot com el pum d’òr! ^^

  10. […] quest’atto si entra in una specie di loop dell’iniziazione permanente, per citare una brillante definizione trovata da Jacopo Nacci scrivendo di un mio vecchio libro, che per la sua stessa natura confina […]

Pubblica un commento