L’Italia non weimariana – di Sergio Baratto

Jacopo Nacci, 18 febbraio 2009

[…] Ho scritto che oggi l’elettorato premia la destra perché gli fornisce l’illusione di una risposta efficace alla paura. Ma non è nemmeno tutto qui. Troppo semplice, troppo assolutorio. È solo una parte del problema. Un’altra, molto meno assolutoria, ha a che fare con il male.
L’elemento originario su cui lavorano le forze negative è una poltiglia che non è ancora odio o paura, perché è ancora materia indifferenziata. È il grumo staminale da cui scaturiscono l’odio e la paura.
Oggi l’elettorato premia la destra anche perché gli fornisce la legittimazione della sua cattiveria. […]

Leggi l’articolo intero su Il primo amore.

Segui il rizoma

30/4/2005 Ho messo la mia anima tra le tue mani. Curvale a nido. Essa non vuole altro che riposare in te. Ma schiudile se un giorno la sentirai fuggire. Fa&...
La società dello spettacaaargh! Su Scrittori Precari, terminate le mitiche Sforbiciate del lunedì dell'ottimo Fabrizio Gabrielli, comincia la serie di post La società dello spettacaa...
Platania parla di Dreadlock Dreadlock! è un compatto romanzo d’avventura con citazioni colte ben dosate, come accade nelle migliori sceneggiature di fumetti d’autore. Federi...
Persone Sabato 11 dicembre, alle 18.oo, presso il circolo l'Otto, parlerò con Federica Sgaggio del suo nuovo romanzo, L'avvocato G. C'è un'immagine che mi vie...

14 commenti a “L’Italia non weimariana – di Sergio Baratto”

  1. FedericoP ha detto:

    Anch’io ero rimasto colpito da questo pezzo di Baratto. Questo passaggio è tragicamente forte e tragicamente vero. Baratto non avrebbe potuto dirlo meglio.

  2. jacopo nacci ha detto:

    Federico, assolutamente.

    Tralaltro la legittimazione della cattiveria è anche direttamente terminologica, basta pensare alle dichiarazioni d’intenti di Maroni e alla degradazione sarcastica della bontà in “buonismo”.

    E sempre a proposito di comunicazione, mi piacerebbe sapere cosa intendi tu con “farsi giustizia da soli”.

  3. FedericoP ha detto:

    @Jacopo: “mi piacerebbe sapere cosa intendi tu con ”farsi giustizia da soli”.”

    Uno dei possibili effetti indesiderati del titanismo.

    P.S.: che leggi a Firenze?

  4. jacopo nacci ha detto:

    Uno dei possibili effetti indesiderati del titanismo.

    ^_^ No, dai, sul serio. Poi ti dico.

    che leggi a Firenze?

    Cose prese da qui, abbastanza brevi. Consigli?

  5. FedericoP ha detto:

    Sul “farsi giustizia da soli”, ok, aspetto chiarimenti :)

    Da leggere: inevitabilmente qualcosa da fire fi the vatican e poi… avevo qui letto un tuo racconto… ricordo un letto sfatto, un rapporto in crisi. Mi era piaciuto. Non ricordo il titolo, però

  6. jacopo nacci ha detto:

    Sul “farsi giustizia da soli”, ok, aspetto chiarimenti

    Be’, intanto dammi una definizione da dizionario, no? Perché può darsi che sia stato io a intendere sempre in senso sbagliato e non voglio far figure di mer*a. Ahahahah.

    Uhm, Fire fi the Vatican, sì, ma non saprei quale episodio. Suggerimenti? ^^
    Pensavo a In merito alla terapia, Nei giorni e Ex-Villaggio Olimpico.

  7. FedericoP ha detto:

    “farsi giustizia da soli” = comportamento antisociale messo in atto da un individuo nel momento in cui non crede più né nelle istitutizioni civili di cui pure fa parte né in un’azione di grazia e misericordia ultraterrena. I sociologi dividono il f.g.d.s. in due macrocategorie: “cronico-debole” (es.: non partecipare alle elezioni politiche, lavorare consapevolmente di meno perché l’individuo ritiene di essere sottopagato, etc.) e “acuto-forte” (es.: ferire/uccidere chi ha provocato danni/lesioni a sé o ai propri cari).

    Sulle letture: “In merito alla terapia” non mi ha fatto impazzire. Gli altri due, per i miei gusti, sono decisamente migliori (e non saprei scegliere tra “ex-villaggio olimpico” e “nei giorni”). Di fire fi the vatican un capitolo tosto “in principio è la responsabilità”

    p.s.: poi un giorno di questi ho una domanda da farti su f.f.t.v e – più in generale – sul rapporto tra i mistici e le gerarchie vaticane

  8. jacopo nacci ha detto:

    Grazie per i suggerimenti! ^^

    Eccoci:
    ferire/uccidere chi ha provocato danni/lesioni a sé o ai propri cari

    questo era quello che intendevo anche io con “farsi giustizia da soli”.
    Ma non è quello che intendono i politici che ne hanno fatto uso in questi giorni (mi pare Maroni e Alemanno) che hanno chiamato “farsi giustizia da soli” l’andare a menare poveracci a culo.

  9. FedericoP ha detto:

    andare a menare poveracci a culo

    è appunto la legittimazione della cattiveria. Una cosa talmente orrida che secondo me non può essere spiegata neanche ricorrendo a termini sociopolitici quali “totalitarismo” o “dittatura” o “stato di polizia”. Qui siamo oltre.
    Io proprio non riesco a capacitarmi come chi prova sdegno di fronte a uno stupro possa poi considerare legittimo, appunto, “andare a menare poveracci a culo”.
    Oltre l’ignoranza, oltre il razzismo. Dissociazione mentale. Decerebrazione.

  10. anarcadia ha detto:

    “E’ finita, compagni, e anche male. Sarebbe ora di prendere atto che il comunismo realizzato ha fatto schifo. Le intenzioni erano buone, l’impalcatura teorica discutibile, gli obiettivi fumosi, i metodi aberranti, i risultati terribili.”

    Avrei una decina di blogs in cui postarlo, a voler essere cattivo. Ottimo pezzo.

  11. anarcadia ha detto:

    ‘…non può essere spiegata neanche ricorrendo a termini sociopolitici quali “totalitarismo” o “dittatura” o “stato di polizia”. Qui siamo oltre…’

    Non “oltre” Arancia Meccanica, in ogni caso….

  12. anarcadia ha detto:

    Dice Kin-chan.

  13. Chinaski74 ha detto:

    Divide et impera.

  14. anarcadia ha detto:

    “Si comincia a imbroccare con assoluta sistematicità le scelte più idiote, cattive e suicidarie, a prendere sempre e in ogni campo le decisioni più nocive e controproducenti”

    http://iosonoquesto.splinder.com/post/19947971/Volontarismo

Pubblica un commento