Luca Giudici recensisce Dreadlock

jacopo nacci, 24 novembre 2011
Giulio Giordano, Dreadlock

Dreadlock visto da Giulio Giordano

Dreadlock è un demone, che si incarna in Matteo, e tutto il romanzo – visto come possessione – altro non è che una discesa agli inferi, un percorso iniziatico, un rito di passaggio per un ragazzo che deve diventare uomo, crescere, al punto che i suoi genitori stessi non lo riconoscono più. Come a Delfi e a Cuma, anche qui a Bologna-Babilonia sono i fumi dell’oracolo a inebriare il questuante e a permettere al Dio di possederlo, di trasformarlo nella sua voce, nei suoi occhi, nelle sue braccia. Lorenzo è il mentore, più Don Juan che Virgilio: seguendo Matteo/Dreadlock sale lo ziqqurrat di Babilonia così come scende i gironi dell’inferno. Ma la purezza non esiste, e Ser Galahad è solo il sogno di un’umanità adolescente.

Luca Giudici recensisce Dread qui.

Il sito di Giulio Giordano, l’autore del ritratto.

Segui il rizoma

Words Pon Dread   È una compulsione quella di Matteo. Entra in loop. Io soltanto come Dreadlock mi realizzo, ma siccome quando c’è Dreadlock non ci sono i...
Ranking Dread Qualche giorno fa sono usciti i risultati totali delle classifiche di Pordenonelegge-Dedalus dicembre 2011. Segnalo, oltre al piazzamento di Dread...
Porpora commenta Dreadlock I Laureati visti da Giulio Giordano Curioso come il rapporto con le forze del Male – qui interpretato principalmente dal Grottesco nel volto del c...
Nipponica e Venerdì Getter Robot, 1974 La Guida ai super robot è finita tra i consigli natalizi di Nipponica e sul Venerdì di Repubblica.

Pubblica un commento