Lupi del bosco orientale – L’intro

jacopo nacci, 29 aprile 2013

Il pezzo letto in apertura al concerto-reading con i Lupi del bosco orientale.

Quando scoprimmo la Terra – così chiamavano quel pianeta i suoi abitanti – la sua civiltà era crollata da un paio di secoli, e il suo popolo quasi estinto. I sopravvissuti erano per lo più ridotti allo stato selvatico. Su una montagna dell’emisfero australe conoscemmo un uomo, ci disse di essere un sacerdote e che riteneva sua missione conservare la memoria di ciò che il popolo della Terra era stato, e di come e perché fosse giunto all’autodistruzione.
Ci mostrò la sua biblioteca: milioni di file di testo.
Gli domandammo cosa contenessero. Ci rispose che erano metafore.
Voi sapete cos’è una metafora? ci domandò.
Lo sapevamo, e volevamo sapere perché conservasse solo metafore: non ci sono libri di scienza, qui? domandammo, storie vere? Manuali?
No, rispose, quelli non ci sono mai mancati. A dire il vero nemmeno queste, aggiunse indicando le cartelle sulla parete-schermo, solo che a un certo punto nessuno è stato più in grado di leggerle.
Gli domandammo se una qualche epidemia cognitiva avesse colpito il suo popolo rendendolo incapace di esercitare la lettura.
Qualcosa del genere, rispose. È successo che abbiamo cominciato a non capire più, cosa fosse una metafora; romanzi di fantascienza, trattati di teologia, poemi: tutto ciò che non poteva essere identificato con uno stato di cose materiale, visibile e documentabile là fuori, venne declassato a inutilità e danno. Avevamo una storia bellissima, pensate, di un uomo che percorreva l’inferno, il purgatorio e il paradiso, possedeva un valore analogico notevole; ebbene cercarono invano sulla Terra l’inferno, il purgatorio e il paradiso, senza trovarli, e invece che comprendere meglio quell’opera, non la compresero più, e divennero come bruti. E così l’Inferno lo creò questo popolo che riduceva il reale al controllo del territorio.
E dunque, domandammo, cosa accadde allora?

Di tutto, rispose l’uomo: orde di dinosauri, sciami di mostri fantastici, spettri, pestilenze, zombie, invasioni aliene, persino gli dèi scesero sulla terra, io stesso vidi Apollo e Artemide – due delle nostre maggiori divinità – scagliare dardi di fuoco sulle folle urbane.
E com’è possibile tutto ciò? domandammo noi.
Ho intuito, disse quell’uomo, che nella mente delle persone non c’era più spazio per le metafore, e che dunque le metafore avevano preso a camminare, strisciare, volare sulla terra. I terrestri avevano deciso di pensare che solo ciò che era percepibile con i sensi fosse vero. Il vero si fece percepibile ai sensi, e distrusse la loro civiltà.

Segui il rizoma

St. Elmo’s Fire (ecco i miei denti) Il primo non può farcela, sai? Lo vedo, trasuda rabbia, è nervoso. Anche il suo corpo tradisce qualcosa della devianza repressa. La provincia fa male,...
One day one trip 5 17:48 Capo: -Perché questo nominativo risulta controllato e convalidato e invece non lo è? Jago: -Non lo so. Capo: -Come non lo sai? Jag...
Till death do us party Till death do us party è stato pubblicato su Argo Cecilia aveva messo sul piatto il vinile di True Blue, aveva acceso il giradischi, aveva appo...
Chiba City Blues Ora di pranzo. Sento delle voci dalla finestra aperta.– Mariaterè-saaa!– Ciao Gaietta! Vai a mangiare? Salutami la mamma.– Sì ma ho già mangiato due b...