Nazionalsurrealismo

Jacopo Nacci, 19 giugno 2007

Erich Priebke

– Tu non ci crederai.
– Cosa?
– Al lavoro, il tizio che ha la scrivania di fianco alla mia… è un nazista.
– Eh… capirai…
– Non hai capito.
– Cosa?
– Non sto dicendo che è un neonazista, né che è persona colma di riprovevoli pregiudizi.
– Non ho capito.
– Te lo rispiego: al lavoro, il tizio che ha la scrivania di fianco alla mia: è un nazista
– Cioè?
– Cioè un nazista, un’SS, uno di quelli veri, come portato da una macchina del tempo, come se c’avessi di fianco un dinosauro.
– Seee…
– Vero che è troppo surreale anche solo per metterti i brividi?

Segui il rizoma

Delitti familiari -Fatto buon viaggio? -Direi di sì, posto a sedere, finestrino aperto, dai. -Insomma il solito schifo. -No, pa'. Ti sto dicendo che è and...
Esegesi difficile Ma cosa sono i mostri? Andiamo all’origine dei mostri – fa la Marcuzzi, in uno studio buio, con un cono di luce che la illumina solo parzi...
La realtà non è schierata In questo momento Hiroshi Matsumoto si è appena spostato come un naufrago che non sa nuotare dal letto al divano del suo monolocale alla perife...
One day one trip 6 18:12 Capo: -Cosa fai? Selezioni tutti i nominativi? Jago: -Devo spostarli uno per uno? Capo: -E certo! Sei matto? Jago: -Forse, ma perché devo...