Nazionalsurrealismo

Jacopo Nacci, 19 giugno 2007

Erich Priebke

– Tu non ci crederai.
– Cosa?
– Al lavoro, il tizio che ha la scrivania di fianco alla mia… è un nazista.
– Eh… capirai…
– Non hai capito.
– Cosa?
– Non sto dicendo che è un neonazista, né che è persona colma di riprovevoli pregiudizi.
– Non ho capito.
– Te lo rispiego: al lavoro, il tizio che ha la scrivania di fianco alla mia: è un nazista
– Cioè?
– Cioè un nazista, un’SS, uno di quelli veri, come portato da una macchina del tempo, come se c’avessi di fianco un dinosauro.
– Seee…
– Vero che è troppo surreale anche solo per metterti i brividi?

Segui il rizoma

St. Elmo’s Fire (ecco i miei denti) Il primo non può farcela, sai? Lo vedo, trasuda rabbia, è nervoso. Anche il suo corpo tradisce qualcosa della devianza repressa. La provincia fa male,...
Kraftwerk Tapes Per accertare ogni anno che molti di loro non fossero più in vita, li chiamavo ogni mattina cliccando sui numeri di un database estratto dall'e...
One day one trip 3 16:28 Capo: -Perché stai contattando l’albergo? Jago: -Non devo? Capo: -Certo che no: è già stato contattato a marzo. Jago:...
Verso il muro Mi sveglio: sto male, mi fa male il cuore come quella volta a natale. Sono scivolato verso il fondo del letto e tu non sei di fianco a me: sei di tra...

Pubblica un commento