Nazionalsurrealismo

Jacopo Nacci, 19 giugno 2007

Erich Priebke

– Tu non ci crederai.
– Cosa?
– Al lavoro, il tizio che ha la scrivania di fianco alla mia… è un nazista.
– Eh… capirai…
– Non hai capito.
– Cosa?
– Non sto dicendo che è un neonazista, né che è persona colma di riprovevoli pregiudizi.
– Non ho capito.
– Te lo rispiego: al lavoro, il tizio che ha la scrivania di fianco alla mia: è un nazista
– Cioè?
– Cioè un nazista, un’SS, uno di quelli veri, come portato da una macchina del tempo, come se c’avessi di fianco un dinosauro.
– Seee…
– Vero che è troppo surreale anche solo per metterti i brividi?

Segui il rizoma

A Pàlados domani a Camilo: in relazione all'adesione estetica Stamattina, poco prima di svegliarmi, ho creduto di essere a casa, all’isola di Pàlados...
One day one trip 5 17:48 Capo: -Perché questo nominativo risulta controllato e convalidato e invece non lo è? Jago: -Non lo so. Capo: -Come non lo sai? Jag...
Questo e niente è parente (detto pesarese) Con ‘causa’ si intende ciò che muove, nel doppio senso di causa efficiente, come il calcio che fa rotolare la pietra, o di causa fi...
Nella condizione irrevocabile (2.0) Go Nagai, Mao Dante, 1971 In questo momento mi trovo a due anni da te. È la prima volta che vengo nel futuro a fare la stagione. Fare avanti e ind...

Pubblica un commento