NOI

Jacopo Nacci, 6 luglio 2009

Giorgio Vasta, Il tempo materiale, Minimum Fax

Facciamo passare qualche giorno, aspettiamo che tutti si persuadano che l’emergenza è passata, che si è trattato di un paio di bravate e niente più. Poi, un giorno che la scuola è aperta anche al pomeriggio, appena l’ultima campanella suona e gli studenti escono, raggiungiamo la palestra interna, squarciamo con un coltello da cucina il rivestimento in similpelle del materasso che attutisce le cadute del salto in alto, estraiamo la gommapiuma compressa e la sparpagliamo in giro. Prima di darle fuoco, Volo scrive sul muro con un pennarello nero la data e l’ora, perché non ci siano equivoci, e poi il nostro messaggio:

BEATO CHI CI CREDE, NOI NO NON CI CREDIAMO

E più sotto, a mo’ di firma: NOI.

L’idea di usare un verso della sigla di Di nuovo tante scuse è stata del compagno Raggio. È la prosecuzione della logica dell’alfamuto, ovvero una rivisitazione in chiave politica della stupidità italiana, in questo caso le parole di una canzonetta. Ci piace pensare che chi leggerà non potrà non sentirsi dentro le voci di Raimondo Vianello e Sandra Mondaini. È una beffa, una cosa indecente. NOI, invece, è il nome della nostra microcellula virale. Coordinarci durante queste prime azioni di lotta – uno sulla soglia della porta a fare il palo comunicando tramite l’alfamuto un eventuale pericolo, la risposta silenziosa del compagno – ci ha insegnato che noi è la parola in cui coesistono la distruzione del soggetto individuale e l’orgoglio di essere compagni: per me che dico sempre io, che vivo chiuso nel raglio asinino, pensare noi è sbalorditivo. NOI è anche l’acronimo di Nucleo Osceno Italiano: nucleo identifica la solidità; osceno è l’unico tempo che abbia senso vivere; italiano è ciò che ci indigna e ciò in cui siamo immersi.

Giorgio Vasta, Il tempo materiale

Segui il rizoma

Dimanche L'idolatria ha origine dal fatto che, assetati del bene assoluto, non si possiede l'attenzione sovrannaturale e non si ha la pazienza di lasciarla sor...
Avreste fatto tutti la stessa cosa È uscito Funambole di Isabel Farah (Marco Del Bucchia Editore).Sedici monologhi: Medea, Penelope, Arianna, Clitennestra, Leda, Filomela, Egle, Giocast...
Immersioni Per le emersioni vedi qui. «Che?... » mormorò Rohan con voce tremante, quasi trattenendo il respiro. Nel gergo degli equipaggi quell'apparecchio er...
Le nevrosi novecentesche hanno fatto il loro tempo «La spiegazione psichica del fenomeno della comunicazione può essere cercata in un’altra nozione, quella di negazione (Verneigung...

2 commenti a “NOI”

  1. EvaFutura ha detto:

    co’ saria sto N.O.I.?… ^_^

  2. jacopo nacci ha detto:

    Nerd Overloaded Imagination.

    ^^

Pubblica un commento