Personal Gnosis

Jacopo Nacci, 18 agosto 2008

Non sia bisbigliato
al prete nella sagrestia
dipinta di viola dal tramonto,
né si vada a rivelarlo,
affrontando l’eremo
grigio e impervio,
al mistico dall’occhio spiritato,
e nemmeno lo si mormori
all’orecchio altero del pontefice
incastonato nel suo trono magnifico

che unicamente per accogliere
la fragilità di sangue e nervi
e ogni affetto e moto di pensiero
e sogno e involontario gesto
di una creatura che spesso ho veduta
dormire su un giaciglio d’alba
cieli e terra
erano e sono.

Segui il rizoma

Tempo Non chiederei mai indietro il tempo dell’errore, dell’attesa, dell’asmatica ripresa nel dopo della sbornia, della via presa sbagliat...
Gli stolzi Salgono gli stolzi Salgono le scale del palazzo nella notte Senza faccia, tutti informi e scuri Saltano leggeri e lunghi Saltano i gradini a piedi par...
Don't believe the hype Recensioni, recensioni, recensioni. Così fitte di condizione smarrita e radicale alterità. Fate andar del tutto fuori ci&ograv...
Continuum Matite spuntate Maglie ammassate Piatti ammucchiati Desktop affollati Libri impilati Spicci atterrati Lenzuola sfasate Tazze lasciate Quadri appoggiat...

11 commenti a “Personal Gnosis”

  1. anarcadia ha detto:

    La zattera di solito la si abbandona, una volta raggiunta l’altra sponda. Le spese per l’affitto le trovo tutto sommato un carico soave, ma farsela a nuoto, sai, c’ha i suoi pro e i suoi contro, come la zattera. Chi arriva di là festeggia, dai, tanto il tragitto è quello.

    Quando poi càpitano quelle spaghettate a mezzanotte tra amici in estate, sull’altra sponda, è bellissimo. Certo poi, gli amici tocca esserseli fatti, prima. E pure gli spaghetti.

    ;D

  2. RottamieViolini ha detto:

    caspita però, alta cifra poetica!

  3. jacopo nacci ha detto:

    @Anar:
    dici?
    Paiono sponde diverse.

    @R&V:
    dici?

  4. RottamieViolini ha detto:

    dico, dico. Molto raramente capita che dei versi mi intrighino all’istante ( a parte i miei :D ) e questi non solo mi intrigano ma hanno la purezza e la facilità delle cose buone

  5. anarcadia ha detto:

    No, io dico di no, Jacopo.

  6. jacopo nacci ha detto:

    Fosse la stessa sponda avrebbe ragione chi ama (?) l’astratto essere dell’ente.
    Ma la rivendicazione dell’autore va proprio in senso opposto.

  7. jacopo nacci ha detto:

    @R&V:
    ti ringrazio, ma il merito non è mio, bensì della “creatura che spesso ho veduta”.

  8. utente anonimo ha detto:

    ma va là, come se Leopardi ( l’esempio è casuale) dicesse che il merito è della siepe..

  9. jacopo nacci ha detto:

    Be’, anonimo, un conto è un genio che vive con i ferri del mestiere in mano; del tutto diverso è chi un giorno, come si dice nel linguaggio comune, è “particolarmente ispirato”. O, possiamo pensare, fortemente mosso. ^^

  10. effettopauli ha detto:

    Che bella. Peccato non potertelo dire meglio.

  11. anarcadia ha detto:

    effettopauli, io l’ho capìta solo adesso, puoi consolare così l’inadeguatezza della tua espressione, se credi! ^^

Pubblica un commento