Platania e Lethem

jacopo nacci, 11 agosto 2010

Lethem appartiene allo stesso gruppo antropologico di cui ritengo di far parte anch’io (insieme a chissà quanti altri milioni di abitanti del pianeta): persone che vivono la loro esperienza con la realtà attraverso unità atomiche di materia artistica (in altre parole: libri, dischi, film, fumetti, opere d’arte, etc.). […] Le case o le stanze in cui abitano le persone che appartengono a questo ceppo antropologico sono, per usare un’efficace espressione di Lethem, dei modelli in scala del proprio cervello. Pareti ricoperte di libri, CD, dischi, DVD, videocassette.

Qui l’articolo di Federico Platania.

Segui il rizoma

La stanza profonda a Pesaro Clicca per ingrandire
A Bologna! A Bologna! Presentazione della collana letteraria Novevolt: progetto, catalogo e aperitivo nell’ambito di Dalla A allo Zammù 2010 presso Zammù Librer...
Cosa fa Omar Fantini (parte terza) Per questo motivo la poesia è più filosofica e più seria della storia, perché la poesia si occupa piuttosto dell’universale, mentre la storia racconta...
L’altro me (parte ottava) Pubblico, in una serie di post, l’intervento al Pesaro Comics & Games 2014.(La prima parte, la seconda, la terza, la quarta, la quinta, la sesta e...

Pubblica un commento