Platania e Lethem

jacopo nacci, 11 agosto 2010

Lethem appartiene allo stesso gruppo antropologico di cui ritengo di far parte anch’io (insieme a chissà quanti altri milioni di abitanti del pianeta): persone che vivono la loro esperienza con la realtà attraverso unità atomiche di materia artistica (in altre parole: libri, dischi, film, fumetti, opere d’arte, etc.). […] Le case o le stanze in cui abitano le persone che appartengono a questo ceppo antropologico sono, per usare un’efficace espressione di Lethem, dei modelli in scala del proprio cervello. Pareti ricoperte di libri, CD, dischi, DVD, videocassette.

Qui l’articolo di Federico Platania.

Segui il rizoma

Corpo morto e corpo vivo / Urbino e Pesaro Giovedì 18 marzo alle ore 17.30, a Urbino presso la Libreria La Goliardica in Piazza Rinascimento 7, Giulio Mozzi e Demetrio Paolin presentano il li...
La soluzione dello sguardo (in discesa e risalita) C'era un pezzo molto bello e vero di Ferdinando Camon, intitolato Noi e le rivoluzioni arabe, che purtroppo non trovo più in rete. Devo dire che lì p...
L’altro me (parte prima) Pubblico, in una serie di post, l'intervento al Pesaro Comics & Games 2014: L'altro me – l'avversario nell'animazione robotica classica Lady ...
L’altro me (bonus) Pubblico, in una serie di post, l’intervento al Pesaro Comics & Games 2014. (La prima parte, la seconda, la terza, la quarta, la quinta, la sesta...