Platania e Lethem

jacopo nacci, 11 Agosto 2010

Lethem appartiene allo stesso gruppo antropologico di cui ritengo di far parte anch’io (insieme a chissà quanti altri milioni di abitanti del pianeta): persone che vivono la loro esperienza con la realtà attraverso unità atomiche di materia artistica (in altre parole: libri, dischi, film, fumetti, opere d’arte, etc.). […] Le case o le stanze in cui abitano le persone che appartengono a questo ceppo antropologico sono, per usare un’efficace espressione di Lethem, dei modelli in scala del proprio cervello. Pareti ricoperte di libri, CD, dischi, DVD, videocassette.

Qui l’articolo di Federico Platania.

Segui il rizoma

Presentiamo La terapia come ipertesto In due serate (ho scelto due città delle Marche: Macerata e Pesaro) presenterò il mio lavoro insieme ad amici che ho scelto come interlocutori in ...
Orbite vuote Sedici racconti dell'orrore e una poesia Clicca per ingrandire È successo che tempo fa Marco Candida ha avuto un'idea e, insieme a Intermezzi, ...
In arrivo Cooperativa di narrazione popolare, manifesto pubblicitario Cooperativa di narrazione popolare è – per ora –Ilaria Giannini, Jacopo Nacci, Enrico Pi...