Platone, il referendum e l’embrione

Jacopo Nacci, 13 giugno 2005
«Bene, io vedo che, qualora si radunino nell’assemblea, quando la città deve deliberare sulla costruzione di qualche pubblico edificio, chiamano come consiglieri gli architetti; e quando la città deve deliberare sulla costruzione di navi, mandano a chiamare i costruttori di navi, e lo stesso fanno per tutte quelle cose che credono siano oggetto di apprendimento e di insegnamento. E se prova a dar consigli qualcun altro, che essi non ritengono esperto in materia, che sia bello, ricco e nobile, non sono disposti, per questo, ad ascoltarlo, ma lo prendono in giro e gli lanciano grida ostili, finché o non la smette da solo, costretto a tacere dagli schiamazzi, o gli arcieri non lo tirano giù dalle tribune e non lo cacciano via per intimazione dei Pritani».
Platone, Protagora, 319b5-c7.

«Se io e te fossimo in disaccordo su una questione di numeri, quale sia, poniamo, la più numerosa di due serie di oggetti; ebbene, il disaccordo su tali cose ci renderebbe forse nemici e ci farebbe adirare l’uno con l’altro? Oppure, una volta eseguito il calcolo, non ci metteremmo subito d’accordo, almeno su simili questioni? […] Ma su quali argomenti allora, trovandoci in disaccordo e non potendo giungere a una decisione, saremmo nemici e ci adireremmo l’uno con l’altro? Forse non hai una risposta pronta; ma guarda se non siano quelli che ti dico io: il giusto e l’ingiusto, il bello e il turpe, il vantaggioso e il dannoso. Non sono forse questi gli argomenti per i quali, quando siamo in disaccordo e non siamo in grado di giungere a un giudizio soddisfacente, diventiamo, in quell’occasione, tra noi nemici, ed io e tu e tutti gli altri uomini?»
Platone, Eutifrone, 7b7-c1.

«Quindi non mettono in dubbio questo punto, che cioè chi ha commesso ingiustizia debba essere punito, ma forse quest’altro: quale reato ha compiuto l’ingiusto e quando».
Platone, Eutifrone, 8d4-6.

 

Segui il rizoma

La soluzione dello sguardo (in discesa e risalita) C'era un pezzo molto bello e vero di Ferdinando Camon, intitolato Noi e le rivoluzioni arabe, che purtroppo non trovo più in rete. Devo dire che lì p...
Il discorso dell’altro Io il "delizioso contrappasso" di cui parla Federica Sgaggio un po' lo vedo. Ma non da qui, sia chiaro: lo vedo, per così dire, dal futuro. Immaginand...
Un’immagine del bene (Questo post è fatto con le note a piè di pagina dell'ultimo episodio della Società dello Spettacaaargh!, al solito, su Scrittori Precari) Quando viv...
La lingua e l’Osceno «44. La tattica che l'Osceno persegue è lungimirante e, al tempo stesso, delirante. Inutile volerle opporre i solidi argomenti di una ragione o quel...

4 commenti a “Platone, il referendum e l’embrione”

  1. utente anonimo ha detto:

    Molto interessante.


    Tom Bombadil

  2. utente anonimo ha detto:

    una , !? Bah, non sono distinzioni così nette…conoscenza e credenza, ad esempio: si suppone che ci sia (ci dovrebbe essere) della conoscenza alla base delle proprie credenze? O no? Si parla di credenze false: io ritengo false (rispetto all’oggetto del referendum) quelle di Calderoli e Don Camillo (a parte il caso della menzogna strategica); vere quelle di Veronesi e della Ferilli se il risultato della credenza ai fini di una certa azione (4 croci sul SI’) è la stessa. Ma la capacità di GIUSTIFICARE grazie alla conoscenza delle questiones le proprie credenze è certamente DIVERSA. Di tua nonna non so.

    questioni io ne vedo poco, di solito; qui prorpio non le vedo.

    la distinzione fra conoscenza scientifica e una posizione etica sarebbe tanto palese? (è un caso particolare della distinzione più generale fra conoscenza e credenza, vedi supra).

    La questione della vita umana (nella forma: “l’embrione è etc…?” era SOLO una PARTE del contenuto dei quesiti: parte sapientemente posta alla ribalta a fini polemici e terrorizzanti dalla propaganda anti-illuminista (perché DI QUESTO si tratta, Don Camillo + Teo-con alla Ferrara).

    Limiti posti alla ricerca scientifica sulla base di credenze bizzarre che la setta cattolica vuole imporre allo stato; e il danno è per tutti…questo mi fa ribrezzo, spiace che sia finita così, bello sentire Don Camillo sulla maturità degli italiani, proprio belli maturi, sì.

    E mille altre cose…

    A.:)

  3. utente anonimo ha detto:

    ERRATA CORRIGE (il copia-incolla si è mangiato qualcosa).

    1)All’inizio

    2)seconda riga: DI questioni LINGUISTICHE io ne vedo etc…

  4. jacopo nacci ha detto:

    Non sono sicuro di ritenere vere credenze ai fini di una certa azione. Non ho capito: è pragmatismo? In ogni caso anch’io ritengo false quelle di Calderoli, ma non posso dimostrarne la falsità.

    Questioni linguistiche sta per questioni semantiche. Chiedo venia.

    A parer mio gli altri 3 sì erano scontati (rimangono per me un mistero i no all’eterologa). Il mio caso scabroso si edifica sulla ricerca per due motivi, uno generale, l’altro personale:
    quello generale è che, appunto, la propaganda terrorizzante è stata edificata sulla questione del par di cellule che sarebbero persona, fatto indimostrabile quanto il suo contrario;
    quella personale è che mi sta particolarmente a cuore la possibilità di salvare vite che sono già in vita.

    Quello che contesto in secondo luogo è l’idea della “propaganda di Don Camillo”. Ammetto una mia forma di ideologia dell’autonomia morale quando domando “che ve fate di un popolo bue che vota quello o quell’altro a seconda di dove pende la bilancia dello sparo di informazione? dove credete di andare con tal popolo?”
    La seconda è che gli italiani hanno deciso in maggioranza di non votare, a.k.a. hanno deciso. Punto. E questa non è una minoranza che impone il suo punto di vista: è una maggioranza che ha deciso. Ringraziamo Pannella.

Pubblica un commento