Platone, il referendum e l’embrione

Jacopo Nacci, 13 Giugno 2005
«Bene, io vedo che, qualora si radunino nell’assemblea, quando la città deve deliberare sulla costruzione di qualche pubblico edificio, chiamano come consiglieri gli architetti; e quando la città deve deliberare sulla costruzione di navi, mandano a chiamare i costruttori di navi, e lo stesso fanno per tutte quelle cose che credono siano oggetto di apprendimento e di insegnamento. E se prova a dar consigli qualcun altro, che essi non ritengono esperto in materia, che sia bello, ricco e nobile, non sono disposti, per questo, ad ascoltarlo, ma lo prendono in giro e gli lanciano grida ostili, finché o non la smette da solo, costretto a tacere dagli schiamazzi, o gli arcieri non lo tirano giù dalle tribune e non lo cacciano via per intimazione dei Pritani».
Platone, Protagora, 319b5-c7.

«Se io e te fossimo in disaccordo su una questione di numeri, quale sia, poniamo, la più numerosa di due serie di oggetti; ebbene, il disaccordo su tali cose ci renderebbe forse nemici e ci farebbe adirare l’uno con l’altro? Oppure, una volta eseguito il calcolo, non ci metteremmo subito d’accordo, almeno su simili questioni? […] Ma su quali argomenti allora, trovandoci in disaccordo e non potendo giungere a una decisione, saremmo nemici e ci adireremmo l’uno con l’altro? Forse non hai una risposta pronta; ma guarda se non siano quelli che ti dico io: il giusto e l’ingiusto, il bello e il turpe, il vantaggioso e il dannoso. Non sono forse questi gli argomenti per i quali, quando siamo in disaccordo e non siamo in grado di giungere a un giudizio soddisfacente, diventiamo, in quell’occasione, tra noi nemici, ed io e tu e tutti gli altri uomini?»
Platone, Eutifrone, 7b7-c1.

«Quindi non mettono in dubbio questo punto, che cioè chi ha commesso ingiustizia debba essere punito, ma forse quest’altro: quale reato ha compiuto l’ingiusto e quando».
Platone, Eutifrone, 8d4-6.

 

Segui il rizoma

Fenomeni linguistici incontrollabili Il saggio di Roberta De Monticelli, La questione morale, ha il merito non irrilevante di offrire una ricognizione sui costumi di casa nostra – si part...
Che due palle, Orazio Spesso chi crede che la filosofia sia quella che insegnano pessimi professori di liceo abbandona ogni confronto dialettico di un certo spessore con la...
Introiezione del conflitto La schizofrenia è esattamente, precisamente, modello dei rapporti di lavoro che ci interessano. La schizofrenia è il sostituto psicotico del conflitto...
Martiri della tecnica – parte seconda:la riduzione... Clemente Susini, Statua di giovane donna giaciente, 1782 Qui la prima parte. Un discorso che tratti come una cosa quella parte di me che è una ...