Presentiamo La terapia come ipertesto

jacopo nacci, 8 giugno 2011

La terapia come ipertesto

In due serate (ho scelto due città delle Marche: Macerata e Pesaro) presenterò il mio lavoro insieme ad amici che ho scelto come interlocutori in base a due criteri: uno, che facessero un mestiere diverso dal mio; due, che fossero amici conosciuti on line. Così converseremo sul filo che separa artificiosamente i campi del sapere, intesseremo discussioni senza curarci dei confini arbitrari con i quali siamo soliti distinguere pezzi della realtà, in cerca di somiglianze, differenze, assonanze, parentele nascoste.
Sabato 11, alle 18, ci si vede all’Enoteca 075 di Pesaro (in via Rossini, Palazzo Gradari). A Pesaro sarò con Jacopo Nacci, autore di racconti, blogger e una serie di altre cose che scoprirò quella sera. Perché c’è un criterio “due bis” in base al quale ho scelto gli amici con cui parlerò del libro: non ci siamo mai incontrati nel mondo reale. Così in quelle sere, al Binario Zero e all’Enoteca 075, accadrà qualcosa che avrà a che fare con la distanza che separa il virtuale e l’attuale. Se ci siete, mi sa che ci divertiamo.

Così dice qui Max Giuliani in merito alla presentazione, che faremo assieme, del suo e non solo suo La terapia come ipertesto. Ricapitolando, dunque: siamo sabato alle 18 a Palazzo Gradari – in cortile se il tempo è bello; di sotto, al chiuso, se il tempo è brutto – e io ancora non so quale mestiere faccio, ma so che è diverso dal mestiere che fa Max: piano piano, per esclusione, ci arrivo.

Segui il rizoma

Tu sei un altro Sabato alle 16.30 alla Biblioteca San Giovanni, a Pesaro, Demetrio Paolin e io presentiamo La seconda persona, poi Demetrio legge un inedito, o forse ...
L’altro me Un cattivo e un buono (a scelta) del 1978 (Daitarn 3 – Sunrise) Sabato 30 agosto, alle 16.30, sarò a Rocca Costanza, a Pesaro Comics & Games, ...
I robottoni a “Io, Robotto” Io, Robotto. Automi da compagnia Il 10 marzo alle 19.00 sarò a Rovereto, a Palazzo Alberti Poja, per parlare di robottoni.
Ancora sui reading Ci sono buone ragioni per vedere la cultura digitale non come uno strappo nella storia umana, ma anzi come un ritorno di forme e comportamenti che fa...