Radici

jacopo nacci, 14 settembre 2010

Non è per niente cristiano il mito della “radici cristiane” dell’Europa. Perfino nella messa cattolica c’era un momento splendido – ma che fine ha fatto? – in cui il celebrante diceva: “Introibo ad altare dei – ad deum qui laetificat juventutem meam”.

Fin dall’inizio della storia che fu poi detta “cristiana” però, due porci sono entrati nell’anima nostra di poveri ossessi che nessuno ancora ha liberato: uno di tonaca nera, il male clericale; l’altro di mano rapace, il male del potere temporale e secolare. Sono le bestie che hanno nei secoli assalito e spesso distrutto le due ali dell’anima che anche un analfabeta riconoscerebbe come veramente “cristiana”: la laicità e la gratuità.

Passaggi presi dal post Europa. Il mito delle radici cristiane, una sintesi dell’intervento di Roberta De Monticelli al Festival Con-vivere di Carrara.

Segui il rizoma

La soluzione dello sguardo (in discesa e risalita) C'era un pezzo molto bello e vero di Ferdinando Camon, intitolato Noi e le rivoluzioni arabe, che purtroppo non trovo più in rete. Devo dire che lì p...
L'Italia contemporanea Il culto dei morti nell'Italia contemporanea è un libro di Giulio Mozzi uscito nel 2000. Oggi lo si può scaricare gratuitamente qui. Q...
Narrazioni e relazioni Se uno va dal medico, sarebbe certo felice di avere solidarietà, ma ciò di cui soprattutto ha bisogno sono risposte vere sul suo stato di salute. E qu...
Dimanche E' vera Dimanche quando capisci che per trovare un punto d'appoggio devi perdere tutti i punti d'appoggio, uno dopo l'altro, fino all'ultimo. Il vuot...

Pubblica un commento