Sangue

jacopo nacci, 25 aprile 2016

Jacopo Nacci - Sangue

– La nostra razza non esiste, – ha detto, – le persone, per esistere, devono pensarsi con molta forza. Invece noi non siamo fatti di pensiero, siamo fatti di paura. Se ci pensassimo davvero non saremmo ciò che siamo, saremmo qualcos’altro. E questa debolezza la sveliamo: camminiamo sulle punte, ci confondiamo con il muro, voliamo via se ci soffiano addosso. E a soffiare sono il popolo e i signori. Noi siamo un’altra cosa. Pensaci: anche quando crediamo di far male al prossimo per un nostro tornaconto, un po’ di soldi, un voto, una pigrizia, un interesse, noi facciamo del male perché far del bene ci sembra presuntuoso, immorale, ci sembra un passare per quello che non siamo.

epubpdf

Sangue è coperto da licenza Creative commons 3.0 BY NC SA

 

Segui il rizoma

I robottoni su Nathan Never Magazine Clicca sull'immagine per leggere l'articolo Altro Bonelli, altra firma, altra menzione: Giuseppe Lippi parla di Guida ai super robot su "Nathan Ne...
Radici Il secondo dei tre racconti che compongono Lo zelo e la guerra aperta, "Radici", è on-line su Tracce nella rete, il blog di Ilaria Giannini. Colgo...
Un estratto da Guida ai super robot Great Mazinger, 1974 Esce in questi giorni per Odoya il saggio di Jacopo Nacci Guida ai super robot – l’animazione robotica giapponese dal 1972 al...
Ilaria Giannini parla di Dreadlock Qui si agisce verso il bene ma è il male che viene compiuto, esso è inevitabile, come se una qualche forma di salvezza potesse arrivarci solo dalla ...