Santoni parla di Dreadlock

jacopo nacci, 10 novembre 2011

Huda e Dread visti da Antonio Sileo

Un mondo immaginario […] non solo coerente formalmente e filosoficamente, ma anche in qualche modo consapevole dell’essere maya, illusione, come del resto tutti i mondi, innanzitutto quello di chi sta scrivendo – o leggendo – questo pezzo, con buona pace dei nostri ombelichi.

Da Di ombelichi e mondi immaginari.

Dove Vanni Santoni parla anche di Nina dei Lupi di Alessandro Bertante, L’isola dei liombruni di Giovanni De Feo, Nessun paradiso di Enrico Piscitelli, Il senso del piombo di Luca Moretti, mostrando quanto sia in errore chi vede solo ombelichi ovunque.

L’autore del ritratto di Huda e Dread è Antonio Sileo.
Di Nessun paradiso di Enrico Piscitelli, ho parlato qui.

 

Segui il rizoma

Nicola Ciccoli su Dreadlock Scrive Nicola Chik67 Ciccoli su Anobii a proposito di Dreadlock: Credo che sia istintivo pensare che questo racconto lungo sia, in qualche misu...
I robottoni su Tex Clicca sull'immagine per leggere l'articolo Su "Tutto Tex" di luglio, Graziano Frediani si occupa di Guida ai super robot.
Un nuovo estratto da Guida ai super robot Astroganger, 1972 Tutti sappiamo come stanno le cose: il tipico super robot è un eteroma, una macchina inerte che si muove solo con l’intervento d...
Non si esce vivi dall’underground Non si esce vivi dall'underground È uscito lo SpecialOne di Collettivomensa, a tema Non si esce vivi dall'underground. Sostiene Collettivomensa: "...