Telefono casa (un dialogo di Nicola Ciccoli)

jacopo nacci, 29 novembre 2010

– Ciao Nicola, come stai?
– Ciao Babbo. Diciamo bene.
– Ho visto alla televisione la protesta dell’Università. Tu non sei sul tetto?
– Fa conto che ci sia. Dipendesse solo da me sarei salito anche sul Quirinale.
– Ma la Gelmini diceva che la sua legge è a favore del merito, contro i baroni, per la qualità. Mi sembrano cose giuste. Non è quello che hai sempre detto anche tu?
– Sì babbo, è quello che ho sempre detto anche io.
– E allora cosa state sempre a protestare?
– Fammi spiegare Babbo. Iniziamo da questo. La Gelmini ha detto che ha aumentato i soldi per l’Università, vero?
– Proprio così.
– Ecco. Se io ti tolgo 1000 euro e poi dopo dieci mesi te ne ridò 800 tu sei più ricco o più povero? Lo chiameresti un aumento o un taglio?
– Ha fatto questo?

– Mi sembra proprio di sì. Fammi continuare. Secondo te io sono un barone?
-No, considerato che per vincere un posto da ricercatore hai fatto quindici concorsi in tutta Italia direi di no.
– Bene. Prima della riforma potevo entrare e dire la mia nei Consigli di Facoltà, Senato Accademico, Consigli di Amministrazione, Consigli di Corso di Laurea, Commissioni di Concorso. E l’ho pure fatto. Dopo no. Non posso. E questa è una norma anti baroni. Ti torna?
– Poco.
– Allora?
– Però quella cosa dei ricercatori a tempo determinato mi sembra giusta. Ti assumo in prova e solo se dimostri di essere bravo avrai il posto fisso. Fanno così anche in America.
– Vero, quasi. In America il fatto che ti assumano non dipende dal fatto che ci siano o meno i soldi. I soldi ci sono in partenza. In Italia dopo 6 anni ti possono dire; mi spiace, abbiam finito i soldi. Vai a casa. E poi chi ti giudicherà, e come? I tuoi colleghi universitari. Quindi mentre sei a tempo indeterminato corri mai il rischio di scontentare qualcuno? Risponderai mai di no se ti chiedono qualcosa (tipo: bello quest’articolo ci posso mettere anche la mia firma)? Prenderai mai la parola in pubblico per criticare qualcuno? Tu lo faresti?
– Io sì.
– Lascia stare, Babbo, sappiamo tutt’e due che tu in Università non ci saresti entrato mai. A momenti manco ti fanno entrare in Provincia… Diciamo che se oggi uno su dieci ha il coraggio di criticare, domani uno su cento.
– Capisco. Però il merito…
– Babbo, te li ricordi la storia degli incentivi nelle Amministrazioni pubbliche negli anni ’80, sì, me l’hai raccontata tu. Se dai tutto il potere ai soliti quattro a chi andranno a finire gli incentivi? A quelli come me? Guarda che nella legge non c’è niente che parli di come si valuta il merito. A dire “diamo i soldi a quelli bravi” son capaci tutti. E poi quali soldi se ti ho appena detto che ce li hanno tagliati.
– …
– Babbo?
– Mettiti il maglione.
– Cosa c’entra adesso.
– Quando vai sul tetto, dico.

Segui il rizoma

Brainwashball Tim Hamilton, Ray Bradbury's Fahrenheit 451, 2009 1. QUANTO ROSIKATE / CHI TI PAGA / QUANTE CAZZATE / Mi pare che le risposte automatiche segnalin...
Il discorso dell’altro Io il "delizioso contrappasso" di cui parla Federica Sgaggio un po' lo vedo. Ma non da qui, sia chiaro: lo vedo, per così dire, dal futuro. Immaginand...
Nichilismi, infamie Questa lettera di Roberta De Monticelli è comparsa ieri sul Foglio con il titolo "Abiura di una cristiana laica". Questo è un addio. A molti cari a...
Uno scambio di vedute con Roberta De Monticelli Ieri ho avuto un breve scambio via email con Roberta De Monticelli, dopo aver letto, su Facebook, la sua lettera aperta a Concita De Gregorio, scambio...