Tempo

Jacopo Nacci, 29 Gennaio 2008

Non chiederei mai indietro
il tempo
dell’errore, dell’attesa,
dell’asmatica ripresa
nel dopo della sbornia,
della via presa sbagliata,
concreta o figurata.

Il tempo che ho sprecato
non è oggetto di pretesa.

Ma diobòno il tempo
dei ritardi ferroviari,
delle connessioni lente e
degli windows da rifare,
quello, cazzo, è rapinato.

Segui il rizoma

?Battiato Con il Corano chiuso affinché il Profeta non sentisse

Limùn mi trasmetteva la segreta tradizione del cesso siberiano

che è costituito di due bastoni...
Don't believe the hype Recensioni, recensioni, recensioni. Così fitte di condizione smarrita e radicale alterità. Fate andar del tutto fuori ci&ograv...
Personal Gnosis Non sia bisbigliato al prete nella sagrestia dipinta di viola dal tramonto, né si vada a rivelarlo, affrontando l’eremo grigio e imp...
Gli stolzi Salgono gli stolzi Salgono le scale del palazzo nella notte Senza faccia, tutti informi e scuri Saltano leggeri e lunghi Saltano i gradini a piedi par...