The verde

Jacopo Nacci, 31 Marzo 2008

Non avevamo davvero sogni. Potendo, avremmo lasciato tutto com’era: lo sapevamo, in fondo all’anima, che dopo la laurea sarebbe stato impossibile continuare a fingere d’essere adulti. E forse non possiamo lamentarci, ché l’abbiamo avuta anche noi, la nostra parte di vita.
Ricordo infatti la scrivania di ciliegio e la pioggia sui tetti rossi oltre la finestra. Ricordo la musica del piano e il calore dei termosifoni. Ricordo i libri della biblioteca e il giardino di via Frassinago in primavera.

Segui il rizoma

Zion and I Hai da dirmi, che mi guardi così? Che c’è? Non mi riconosci. No, aspetta, aspetta, lo immagino, sono io che ho la faccia di quello...
Ciò che determina il destino Da Ordo amoris, di Max Scheler: Chi ha l'ordo amoris di un uomo ha l'uomo stesso. Ha per l'uomo inteso come soggetto morale ciò che è la formula d...
Iodio Qualcosa di buono mi è stato accanto tutto il pomeriggio, iniettando in me il sospetto, quasi la certezza, che oltre il cortile, oltre il funk rumeno,...