L’Acheronte del nonno

jacopo nacci, 5 febbraio 2013

Su Scrittori Precari, L’Acheronte del nonno, il racconto che ho letto a Torino una sega:

[…] È in quell’istante che la porta della sala si piega verso l’interno con un gemito. Ci voltiamo tutti, e non capiamo finché non abbassiamo lo sguardo e vediamo il testone del nonno, e poi il nonno intero che striscia dentro la sala contorcendo il tronco. […]

 [Questo invece è il racconto che non ho letto a Torino una sega]

Segui il rizoma

One day one trip 6 18:12 Capo: -Cosa fai? Selezioni tutti i nominativi? Jago: -Devo spostarli uno per uno? Capo: -E certo! Sei matto? Jago: -Forse, ma perché devo...
One day one trip 3 16:28 Capo: -Perché stai contattando l’albergo? Jago: -Non devo? Capo: -Certo che no: è già stato contattato a marzo. Jago:...
Platania e Lethem Lethem appartiene allo stesso gruppo antropologico di cui ritengo di far parte anch’io (insieme a chissà quanti altri milioni di abitanti del pianeta)...
Lupi del bosco orientale – L’intro Il pezzo letto in apertura al concerto-reading con i Lupi del bosco orientale. Quando scoprimmo la Terra – così chiamavano quel pianeta i suoi abitan...

Pubblica un commento