Un filo sottile e adamantino lega ogni male nel Male

Jacopo Nacci, 29 dicembre 2009

Qui sopra la copertina del volume scritto – vi si trovano capitoli lunghi quattro pagine sulle quali, infatti, sono distribuite financo venti righe di parole, in lettere di grosso formato – e firmato da Omar Fantini. Potete trovarlo sul banco della libreria, accanto alle agendine, ai libri di aforismi, alle crestomazie delle imprescindibili opinioni di comici, calciatori e ospiti fissi di talk-show sul mondo in cui viviamo e sulla vita in generale.
L’assenza, in copertina, del volto dell’autore impietrito nella smorfia demente di occhi e bocca a uovo, con una mano di taglio alla nuca che mimi il configgersi degli anni ’80 nella coppa del trentenne o, più tradizionalmente, semichiusa a becco sul cucuzzo, nell’antico segno della scimmia citrulla, testimonia chi e cosa la storia ritenga tuttora, e si spera per molto altro tempo ancora, più importante. Ma anche indica quanto possa il subdolo nostalgismo.

Segui il rizoma

Cosa fa Omar Fantini (parte terza) Per questo motivo la poesia è più filosofica e più seria della storia, perché la poesia si occupa piuttosto dell’universale, mentre la storia racconta...
Martiri della tecnica – parte prima: del non... Ferruccio Mengaroni, Medusa, 1925 Sul caso relativo al finevita andato in onda in Italia negli anni appena trascorsi e in particolare l’anno scors...
NOI Facciamo passare qualche giorno, aspettiamo che tutti si persuadano che l'emergenza è passata, che si è trattato di un paio di bravate e niente più. P...
Platania e Lethem Lethem appartiene allo stesso gruppo antropologico di cui ritengo di far parte anch’io (insieme a chissà quanti altri milioni di abitanti del pianeta)...

4 commenti a “Un filo sottile e adamantino lega ogni male nel Male”

  1. anarcadia ha detto:

    "Se fate parte della generazione degli “-enta”, questo volume rappresenterà un piacevole salto nel passato, per rivedere e rileggere in chiave ironica tanti “miti” della nostra infanzia"

    Da sottolineare, il salto semantico in chiave materialista-edonista-nichilista ed idolatricamente "autosacrificale nella vergogna" dei termini "piacevole" ed "ironica".

  2. utente anonimo ha detto:

    mi sa che i "salti semantici" ti hanno fatto male al cervello. Rilassati.

    Yoko o no

  3. jacopo nacci ha detto:

    Anar, nella sua semplicità quel passaggio è agghiacciante: "rileggere in chiave ironica i miti" è nichilismo puro.

    (please, don’t feed the trolls)

  4. anarcadia ha detto:

    Per non parlare della parola MITI riportata tra "virgolette", ovviamente.

Pubblica un commento