Un nuovo estratto da Guida ai super robot

jacopo nacci, 12 dicembre 2016
Astroganger, 1972

Astroganger, 1972

Tutti sappiamo come stanno le cose: il tipico super robot è un eteroma, una macchina inerte che si muove solo con l’intervento di qualcuno, e dunque non può che essere incosciente. O no?
No. Molti super robot dell’era classica che non ci sogneremmo mai di escludere dalla categoria, come Raideen, Daikengo, Balatack e Ideon, mostrano la strana particolarità di essere eteromi anche se sembrano possedere un barlume di coscienza. Per non parlare di super robot indubbiamente eteromi e non coscienti che presentano un particolare assolutamente inspiegabile: le espressioni facciali di Boss Robot, Daitarn, Trider e talvolta di Daltanious (Daimos ha un pilotaggio analogico che potrebbe spiegare l’espressione facciale).
Potremmo allora decidere che l’incoscienza non è una caratteristica discriminante, e che lo è solo il fatto di essere mossi dall’interno da un agente che non coincide con loro stessi. Così dovremmo esserci.
E invece no…
La fenomenologia del super robot, su Fumettologica.

Segui il rizoma

Guida ai super robot su Superclassifica Giò Getter Robot, 1974 Il pregio della pubblicazione è la disamina completa dei vari aspetti di queste produzioni animate: approfondite analisi sul team...
Della Bella recensisce Dreadlock E’ in questi vuoti di secondo livello, apparentemente immateriali, che l’io narrante si avventura per stanarne ogni pulsione di morte, ogni concre...
Due segnalazioni La recensione di Vanni Santoni Vanni Santoni recensisce Guida ai super robot su "la Lettura" del Corriere della Sera.   L'articolo di ...
I robottoni nella top ten da spiaggia di Panorama Zambot 3, 1977 Su Panorama, Matilde Quarti mette Guida ai super robot tra i dieci saggi da portarsi al mare. Io comunque sto leggendo L'ordine del...

Pubblica un commento