Verso il muro

Jacopo Nacci, 15 aprile 2008

Mi sveglio: sto male, mi fa male il cuore come quella volta a natale.
Sono scivolato verso il fondo del letto e tu non sei di fianco a me: sei di traverso e in alto, sulla linea dei cuscini, e dormi con il volto verso il muro.
Hai la pelle scura e i capelli ricci, come quando siamo tornati da San Petronio d’estate.
– Non dormire, resta sveglia, ti prego, – ti dico, – ho paura di morire.
– Non sto dormendo, sono sveglia, sono qui vicino a te, stai tranquillo – dice la tua nuca immobile.
– Non è vero: tu dormi voltata dall’altra parte.
– No, sei tu che stai sognando che io dorma voltata dall’altra parte – fa la tua nuca.

Sento una fitta al petto e scatto a sedere, sveglio. Accanto al letto, dalla tua parte, vedo il mucchio scuro dei tuoi vestiti buttati sul pavimento: fa paura.

Mi volto verso di te: stai dormendo, voltata verso il muro.
Mi sveglio.

Son solo.

Segui il rizoma

Nella condizione irrevocabile (2.0) Go Nagai, Mao Dante, 1971 In questo momento mi trovo a due anni da te. È la prima volta che vengo nel futuro a fare la stagione. Fare avanti e ind...
Lupi del bosco orientale – L’outro Il pezzo declamato in chiusura al concerto-reading con i Lupi del bosco orientale. Stella Rossa, il valoroso compagno d'acciaio Non sapevamo cosa fo...
Delitti familiari -Fatto buon viaggio? -Direi di sì, posto a sedere, finestrino aperto, dai. -Insomma il solito schifo. -No, pa'. Ti sto dicendo che è and...
One day one trip 8 19:29 Capo: -A che ora hai l’autobus? Jago: -Alle 19 e 31. Capo: -Sono le 19 e 28. Jago: -Finisco la scheda e vado. Capo: -Voglio che me la fai...