Verso il nihil

Jacopo Nacci, 28 ottobre 2008

…oggi 26 dicembre alle cinque o alle sei del pomeriggio mio fratello ha accesa la televisione, io stavo in salotto a chiacchierare con mia sorella e mia zia e con Letizia e non ho potuto non sentire  la televisione, c’era Fabrizio Frizzi che parlava e straparlava, stava facendo un gioco con i proverbi, annunciava per la sera un gioco che chiamava  il gioco della zingara, e io senza guardarla ma soltanto ascoltandola ho pensato, ecco, la televisione è nichilista, Fabrizio Frizzi è nichilista, quello che fanno è trascinarci verso il nihil, verso il niente, tutti allegri ci faranno diventare niente, ci annichiliranno; a cosa serve questo orrore, mi sono domandato, a che cosa serve negli scopi di chi lo produce, di chi investe soldi per produrlo, questo orrore che ci viene fornito con l’allegra faccia dell’intrattenimento e il compìto volto dell’informazione; a che cosa serve questo orrore quotidiano, meticoloso, porta a porta, che si concretizza, che si incarna, quasi, ormai in questo oggetto-feticcio del quale tutti siamo preda, nella televisione? Allora all’improvviso ho pensato, mentre Fabrizio Frizzi continuava a dire scemenze: la televisione serve a far dimenticare Auschwitz. A cos’altro può servire, ho pensato, questa miscela di divertimento osceno e sguaiato e di informazione orroristica, se non serve a far dimenticare Auschwitz.

Ogni giornata televisiva con la massima precisione è costruita per questo: ci fanno vedere orrori insopportabili, così tanti e così insopportabili da mettere i nostri cervelli in stato di prostrazione e da costringerci, per sopravvivere, a ottundere la sensibilità; e poi ci fanno sperimentare come il divertimento osceno e sguaiato possa, almeno per un certo tempo, far dimenticare il più orribile degli orrori: perché questo è vero, che il divertimento più osceno e sguaiato è sufficiente a cancellare dalla nostra mente gli orrori, perché la nostra forza volontaria è quasi niente in confronto alla forza automatica che ha la nostra mente quando cerca di liberarsi dagli orrori, di conservare la forza di continuare a esistere, di abolire il mondo per continuare a esistere. Il ritmo della televisione è sempre più veloce, ormai, basta guardarla un minuto e si vede subito l’alternanza del divertimento e dell’orrore; il cantante di grido promoziona il suo cd raccontando di essere andato in quella che era la Iugoslavia a vedere gli orrori che ci sono lì, la storia tremenda e compassionevole ci viene raccontata in primo piano mentre, sullo sfondo, le ballerine fanno vedere il culo; non sono più i tempi del varietà, era una cosa così innocente il varietà, lo stesso divertimento che la tv propone è ormai diventato, a sua volta, orrore puro. Come si può ancora parlare di dio, mi sono chiesto, come si può parlare di dio nell’epoca del divertimento? Ci occorre, forse, questo lo dico a me che scrivo libri, una letteratura che abbia il coraggio di essere storia sacra, il coraggio di guardare le persone e le cose nella loro perennità e nella loro caducità, ma amandole. Mi fanno orrore questi personaggi allegramente trashisti, che s’immergono nel male puro con allegra faccia, si propongono quali arbitri di pensiero e d’eleganza, fanno cash e odiens. Finti stomachi pelosi, reagiscono come signorinelle dei romanzi dell’ottocento a qualunque caduta di stile: ma la caduta di stile, a guardare appena un pochino bene, è esattamente ciò che ci vuole: lasciamo cadere lo stile, freghiamocene dello stile.

Giulio Mozzi, “Coro”, Il male naturale

Segui il rizoma

Lo scrittore vero secondo Ivanov Qualcosa non quadra, pensò. Naturalmente alla notte insonne del caporedattore si aggiunse la notte di felicità e vodka di Ivanov, che decise di fest...
NOI Facciamo passare qualche giorno, aspettiamo che tutti si persuadano che l'emergenza è passata, che si è trattato di un paio di bravate e niente più. P...
Dimanche Quando Rabbi Hajim di Zans ebbe unito in matrimonio suo figlio con la figlia di Rabbi Eleazaro, il giorno dopo le nozze si recò dal padre della spos...
Un posto piccolo In un posto piccolo la gente coltiva piccoli avvenimenti. Il piccolo avvenimento viene isolato, ingrandito, rimuginato e infine assorbito dal quotidia...