Words Pon Dread

jacopo nacci, 6 febbraio 2012
Giulio Giordano, Umberto Eco dei Laureati

Eco dei Laureati visto da Giulio Giordano

 

È una compulsione quella di Matteo. Entra in loop. Io soltanto come Dreadlock mi realizzo, ma siccome quando c’è Dreadlock non ci sono io, tendo compulsivamente ad entrare in loop. Ma è una cosa che in realtà mi sembra molto reale come meccanismo nel quale una persona può entrare. È il meccanismo di tutte le forme di dipendenza o di akrasia: il compulsivo trova la libertà proprio in ciò che in realtà lo rende schiavo. Ci sono cose negative che accadono perché il mondo sta scoppiando, ma ci sono cose negative che accadono perché, forse, Matteo non è in grado di risolvere un rapporto di crescita, di accettazione e di apertura al mondo, di perdersi in favore dell’accettazione della realtà esterna.

Qui l’intervista rilasciata a Collettivomensa su Dread.

Il sito di Giulio Giordano, l’autore del ritratto.

Segui il rizoma

La questione di genere nell’anime super-robo... Gackeen, 1976 Tra eroine (troppo) perfette destinate a fallire, personaggi secondari accudenti e nemiche sensuali, non possiamo che giungere alla st...
Non si esce vivi dall’underground Non si esce vivi dall'underground È uscito lo SpecialOne di Collettivomensa, a tema Non si esce vivi dall'underground. Sostiene Collettivomensa: "...
Guida ai super robot su Liberi di scrivere Groizer X, 1976 Non è il primo libro ad uscire in tema, da quando i fan di quei giganti d’acciaio hanno potuto iniziare a riflettere non più da bamb...
Senza toccare terra La Grasse Matinée – la rubrica curata da Leyla Khalil per Caffè News – rimbalza su un lato pressoché inesplorato di Dreadlock. Se la filosofia del p...

Pubblica un commento