Words Pon Dread

jacopo nacci, 6 febbraio 2012
Giulio Giordano, Umberto Eco dei Laureati

Eco dei Laureati visto da Giulio Giordano

 

È una compulsione quella di Matteo. Entra in loop. Io soltanto come Dreadlock mi realizzo, ma siccome quando c’è Dreadlock non ci sono io, tendo compulsivamente ad entrare in loop. Ma è una cosa che in realtà mi sembra molto reale come meccanismo nel quale una persona può entrare. È il meccanismo di tutte le forme di dipendenza o di akrasia: il compulsivo trova la libertà proprio in ciò che in realtà lo rende schiavo. Ci sono cose negative che accadono perché il mondo sta scoppiando, ma ci sono cose negative che accadono perché, forse, Matteo non è in grado di risolvere un rapporto di crescita, di accettazione e di apertura al mondo, di perdersi in favore dell’accettazione della realtà esterna.

Qui l’intervista rilasciata a Collettivomensa su Dread.

Il sito di Giulio Giordano, l’autore del ritratto.

Segui il rizoma

Ilaria Giannini recensisce Dreadlock ...Ma c'è di più, il viaggio di Matteo è la ricerca di tutto quello che ci è stato portato via: la capacità di provare empatia, amore, dolore ma a...
Dreadlock su Scribd Dreadlock è su scribd: lo si può leggere e scaricare in formato pdf. Il formato epub è al solito posto.
Sangue – La nostra razza non esiste, – ha detto, – le persone, per esistere, devono pensarsi con molta forza. Invece noi non siamo fatti di pensiero, sia...
Lo zelo e la guerra aperta Eppure sembrava che fosse finitadi Enrico PiscitelliÈ finita. È finita da tanto. È finita da così tanto tempo che Michela son mesi che si chiede se ...