Ecco fera faccia di Gwar n.12

Jacopo Nacci, 6 settembre 2008

Si alza e cammina a piedi nudi nella sua casa come dentro una città che è stata bombardata.
Si porta le mani alla testa, e poi sugli occhi.
Ricomincia a piangere.

Segui il rizoma

Ecco fera faccia di Gwar n.11 Cerca con affanno tra le altre cose veramente importanti della sua vita. Puff, puff. Non trova niente.
Ecco fera faccia di Gwar n.1 Rinuncia a un sonno cristiano e con autoriprovazione si abitua a dormire dalle otto del mattino alle tre del pomeriggio. Dopo aver letto qualche pagin...
Ecco fera faccia di Gwar n.2 È vilipeso da zanzare invisibili.
Ecco fera faccia di Gwar n.5 Come ogni volta che la notte gli vien tonda dal nervoso, alle sei del mattino gli occhi lucidati dalla veglia fissano luminosità impossibili e ...

11 commenti a “Ecco fera faccia di Gwar n.12”

  1. jacopo nacci ha detto:

    “Perché il suo cane si chiama Dolore?”, domanda la moglie del mio medico curante quando la raggiungo sulla spiaggia.
    “Perché è sempre con me”.

    Carlo D’Amicis, Escluso il cane

  2. nellavascadtp ha detto:

    Ancora una volta ha lasciato che il suo cane grigio scondizolando per la stanza infrangesse il vetro dei suoi barattoli di marmellata di fragole fatta in casa.

    Si toglie uno ad uno i pezzi di vetri conficcati sulla pianta e pensa se nei bombardamenti si potessero trovare fette di burro e marmellata.

  3. nellavascadtp ha detto:

    Uno avrebbe preferito di viaggiare in Lapponia; un altro diceva di non aver trovato in Italia che truffatori e briganti; il terzo, che gl’impiegati italiani non sanno leggere.

    – Un popolo ignorante, – ripete il primo.

    – Sudicio, – aggiunse il secondo.

    (E. De Amicis, “Cuore”)

  4. jacopo nacci ha detto:

    Quello che hai postato era appeso a casa del nemico di mio nonno.

  5. jacopo nacci ha detto:

    E tu vorresti dire che quando facevo l’università a Bologna ero nemico di tuo nonno?

    Sì. E lui tuo.

  6. anarcadia ha detto:

    Quel quadro era appeso in casa di mio nonno. Questo no, però:

  7. chik67 ha detto:

    E tu vorresti dire che quando facevo l’università a Bologna ero nemico di tuo nonno? Che confusione :-o

  8. anarcadia ha detto:

    Ah, quando facevo l’università io, in camera, c’avevo appesi lamù e kenshiro (in pratica due archètipi): non voglio sapere un cazzo.

    ps: i posters erano esattamente questi due.

  9. anarcadia ha detto:

    Diobò Kenshiro dòmina, ahahah!

    (scusa)

  10. utente anonimo ha detto:

    mitico Ken…

Pubblica un commento