Io e Cristina

Jacopo Nacci, 19 febbraio 2007

Il luogo

Benché io sappia oramai tantissimo dei problemi sul lavoro che Federico è costretto ogni giorno ad affrontare a causa dell’ormai proverbiale inefficienza di Maurizio, del divorzio malmenato dagli strascichi riservato a Maria Grazia, del matrimonio che sembrava convenire a Nicoletta e che ora la avvilisce ogni giorno di più, di te so poco, anzi pochissimo. Certo: io conosco il tuo aspetto, il biondo dorato dei tuoi capelli, l’abbronzatura che non conosce inverni, il tuo seno generoso, il culo rotondo che ricorda le angurie d’agosto. Conosco il tuo nome, Cristina, e credo anche di sapere che lavoro fai: certamente lavori in un negozio, ché a Pesaro, si sa, i negozi fan giorno di chiusura al lunedì mattina. E ciò io lo deduco da questo fatto: che ogni notte che dalla domenica conduce al lunedì tu puoi trascorrerla predicando lunghi vangeli di parabole, vòlti forse ad insegnare con esempi chissà quale etica pubblica e privata, o – intarsiati come sono di lodi e osanna, di “Diobõ” e “Namadõ” – ad accennare senza nominare chissà quale verità: su tutte queste cose tu istruisci il tuo misterioso interlocutore telefonico. Se dunque, Cristina, per qualche caso fortuito ma gentile ti capita di leggere questo blog, io ti prego: ricordati che dall’altra parte di quel foglio di parete io cerco di dormire.

Segui il rizoma

Festa della Repubblica Ascolto Bob Marley ed è una bella giornata. Allora penso di uscire, mangiare qualcosa e andare al parco a leggere. Così esco. Entro ne...
Weltanschauung Tornò a casa dal seggio. Deserta la casa come il seggio. Suo marito si era recato alla funzione delle sei con l’aria compassata e gli occhi troppo chi...
In merito alla terapia Per quanto il dato fosse già di pubblico dominio grazie all’abbondanza di letteratura sull’argomento, ammetto che senza nemmeno ren...
Governa ogni cosa Shiva Natarâdja, XI secolo Barbelo, il cielo di Cherania, è alta e gonfia di nubi, un drappo color grafite trapuntato d’indaco attraverso il quale p...

15 commenti a “Io e Cristina”

  1. lilith979 ha detto:

    Ciao Jago…
    carina come idea, l’appello. Quando abitavo a Roma, vivendo nella medesima situazione pressochè ogni notte- anzi mattina prestissimo- avevo elaborato soluzioni mooolto più violente:ma alla fine, gliel’ho data vinta e sono fuggita io.
    Purtroppo sarà inutile anche il tuo grido di ribellione:stai pur sicuro che se la Cristina avesse Internet, se ne starebbe fino ad ora tarda in religioso silenzio davanti al suo schermo che le elargisce gossip a profusione.

  2. wormholeseeker ha detto:

    bella jago, me sei piaciuto!

  3. jacopo nacci ha detto:

    Buongiorno WHS, è un po’ che non capito dalle tue parti. A fine settimana mi tocca un ripasso.

    Lilith, sono curioso: quali soluzioni mooolto più violente avevi elaborato?

  4. lilith979 ha detto:

    I miei soliti vaneggiamenti.

  5. jacopo nacci ha detto:

    Cioè vaneggiavi a consistente volume per spaventarli e indurli ad abbandonare l’infestata magione?

  6. anarcadia ha detto:

    Dev’essere bòna, questa Cristina: ora la segnalo ad Olino.

    Diobò son modesto :DD

  7. boll ha detto:

    ma i vecchi pugni contro il muro non funzionano più?

  8. jacopo nacci ha detto:

    @Anarcadia:
    Bòna, è bòna. Ma Olino reggerà il tremendo loquame?

    @Boll:
    Ho infine deciso per la civiltà.

  9. wormholeseeker ha detto:

    @jago: bolla c’ha l’animo vandalo…lascialo perdere! io però al posto tuo, vista la descrizione fisica che ne hai fatta, avrei fatto in modo di sostituirmi alla cornetta del suo telefono…sai com’è!? se non li puoi distruggere alleatici!

  10. zebaldo ha detto:

    La domenica sera per me è un patimento: tutti a guardare quel c*zzo di posticipo di ‘sto calcio malato di m*rda… fammi avere foto e numero della tipa che per la domenica sera te ne libero io :P

  11. anarcadia ha detto:

    @Jago

    “Bòna, è bòna. Ma Olino reggerà il tremendo loquame?”

    Non avrà bisogno di reggerla, credo si accontenterà di vederla stesa (battutaccia), ahahah! :DD

  12. lilith979 ha detto:

    Ma, io e Opera avevamo meditato di rintracciare in qualche modo il numero di telefono di quella vecchia del ca**o (mi perdonino le vecchiette) e cominciare a farle telefonate di minacce a random, in modo che il suo strumento di comunicazione del cuore diventasse il suo incubo e lei finisse col tenerlo staccato.
    Ma mi sembra migliore l’idea di fare in modo che la Cristina trovi compagnia…se tu sei fuori gioco, bisognerà chiamare Olino…

  13. Idolino ha detto:

    Daje Jago!!! Dalla dettagliata descrizione forse ho capito anche chi è… eheheheheh

  14. anarcadia ha detto:

    Olino dal fascino latino…

  15. DuRoy ha detto:

    Jago, questo post è un capolavoro.

Pubblica un commento